Riforma fiscale: prime misure in CdM e NaDEF

di Redazione PMI.it

scritto il

Attese in Consiglio dei Ministri di metà settembre le prime misure di riforma fiscale, mentre la legge delega slitta a fine anno.

La riforma fiscale e della concorrenza sono attese in Consiglio dei Ministri entro metà settembre, con l’approvazione di un primo provvedimento messo a punto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, previa convocazione della cabina di regia politica con i partiti, convocata dal premier Mario Draghi subito prima del CdM. Per arrivare alla riforma vera e propria i tempi sono però ancora lontani. Lo ha confermato il Sottosegretario all’Economia, Maria Cecilia Guerra:

Sicuramente si andrà al 2022, l’approvazione della legge delega potrà avvenire entro l’anno o all’inizio dell’anno successivo e ci vorrà qualche mese per i decreti attuativi.

=> Governo e Parlamento: regole Covid e Riforme dal 6 settembre

Per il momento, l’obiettivo è quello di arrivare a definire un quadro macroeconomico per la definizione della NaDEF e dei relativi margini di investimento per la Manovra di Bilancio. Nel frattempo, saranno  anticipate alcune misure. A partire da un ulteriore taglio del cuneo fiscale. E forse anche alcuni strumenti per la riscossione ed il contrasto all’evasione fiscale.

In agenda c’è dunque l’analisi della nota di aggiornamento al DEF – (che fornisce i primi numeri della Legge di Bilancio 2022 da redigere in bozza entro ottobre), da presentare alle Camere entro fine settembre, con le previsioni economiche e di finanza pubblica in relazione all’andamento del quadro macroeconomico. In base alle risorse (scarse) a disposizione, è sempre più probabile che l’attuazione concreta delle misure principali della riforma del fisco (taglio IRAP, revisione scaglioni IRPEF, ecc.) venga diluita nel tempo. Da quanto emerge, viene ritenuto prioritario mettere a punto la riforma della riscossione, su cui il MEF ha già elaborato una programmazione condivisa con il Parlamento.