CIE: si aspetta la decisione del Tar del Lazio

di Lorenzo Gennari

scritto il

Dopo l'avvio di un'inchiesta dell'Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici sulla gestione del progetto riguardante la carta d'identità elettronica da parte del Poligrafico dello Stato, la società statale è ancora nell'occhio del ciclone

Il progetto della carta d’identità elettronica, voluto dal ministero dell’Interno, prosegue ormai da molti anni con fasi di sperimentazione interminabili e piccoli passi in avanti.

L’attuazione era stata affidata alla società Innovazione e Progetti, controllata al 70 per cento dal Poligrafico dello Stato e partecipata con un 15 per cento ciascuno dal gruppo Finmeccanica e da Poste italiane.

I primi due soggetti sono ora in contrasto per una querelle riguardante proprio la gestione degli appalti per la realizzazione della CIE.

Il dibattito si era acceso a partire dalla decisione dell’esecutivo Prodi di portare il costo per i cittadini della carta dai 35 euro previsti inizialmente a 20 euro.

Tale passo indietro aveva messo in dubbio la redditività economica del progetto, creando problemi tra i tre soci. Il Poligrafico aveva quindi deciso di sciogliere la Innovazione e progetti; decisione impugnata dalla Selex Sema (controllata da Finmeccanica) di fronte al Tribunale di Roma.

A dare ragione all’azienda del gruppo Finmeccanica è stato però il Consiglio di Stato (dopo la bocciatura del Tar) che ha ora sospeso i bandi in attesa della decisione di merito del Tar del Lazio.

Il progetto sembrava pronto a vedere la luce durante il precedente Governo, con la conclusione delle lunghe fasi di sperimentazione. Ora torna tutto in alto mare.