APe Social

L’APe Social è un tipo di pensione anticipata a costo zero, introdotta dalla Legge di Bilancio 2017 e modificata con quella 2018, a cui possono accedere specifiche categorie di lavoratori.

In particolare, è pensata per i nati fra il 1951 e il 1953 che abbiano maturato fra i 30 e i 36 anni di contributi a seconda dei casi, che possono andare in pensione 3 anni e 7 mesi prima rispetto l’età pensionabile definita dalla Legge Fornero, quindi, volendo, già a 63 anni.

Requisiti per accedere all’APe Social

L’APe Social è uno strumento per i lavoratori in difficoltà come cassaintegrati o disoccupati e per i lavoratori che svolgono lavori gravosi.

Si tratta di un tipo di pensione anticipata che non va confusa con quanto previsto per i lavoratori precoci (quota 41), ossia quelle persone che possono andare in pensione con 41 anni di contributi versati a prescindere dall’età anagrafica al momento della domanda.

L’APe Social, o APe Agevolato, permette di godere dell’anticipo pensionistico a totale carico dello Stato a differenza di quanto avviene con l’APe Volontaria.

Su PMI.it trovi tutte le informazioni utili e guide dettagliate per l’accesso all’APe Social: come presentare domanda e verificare i requisiti necessari, esempi e simulazione di calcolo.

Tutti gli articoli

Quota 100 in attesa di dettagli: scenari possibili

La prossima Legge di Bilancio conterrà la pensione con la quota 100, somma di età e contributi versati: le regole su calcolo, contributivi figurativi, compatibilità con APe sociale e volontario.

APE sociale, conto alla rovescia

Domanda di APe Sociale entro il 15 luglio con risposta INPS entro metà ottobre, finestra supplementare fino a novembre ma probabile stop dal 2019.