Studi di settore, semplificazione e sforbiciata

di Barbara Weisz

scritto il

Meno modelli di studi di settore, semplificazione della metodologia di calcolo, aggiornamento annuale: riforma degli studi di settore e sperimentazione 2016.

Gli studi di settore si riducono a circa 170) semplificando il metodo di applicazione: parte da qui la riforma degli studi di settore al centro del lavoro della SOSE (società del ministero dell’Economia che si occupa degli studi). Il piano è annunciato dal ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan, nell’Atto di indirizzo per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale 2016-2018. E le parti stanno discutendo sui punti fondamentali.

=> Studi di settore 2015: novità e correttivi

Attualmente ci sono 204 studi destinati a una platea che conta più di 3 milioni di contribuenti. L’atto di indirizzo del ministero specifica l’intenzione di:

«rivedere gli studi di settore per renderli maggiormente efficaci e massimizzare l’attendibilità delle stime, assicurandone al contempo la semplificazione anche attraverso la riduzione del loro numero».

Obiettivo, portare a termine la riduzione dei modelli:

«senza perdere il dettaglio delle attuali tipologie che permettono la misurazione dell’andamento del microsettore di riferimento».

=> Studi di settore: dati e strumenti online

Le prime sperimentazioni partono già con i modelli dichiarativi 2016: fra i 60 studi in revisione, 30 faranno da progetto pilota per la sperimentazione, attraverso un doppio modello: uno con il vecchio metodo e uno che recepisce la nuova metodologia. Il risultato sarà valutato dal tavolo degli esperti. L’obiettivo è quello di rendere questa forma di accertamento induttivo il più precisa possibile, correggendo una serie di inefficienze che, negli ultimi anni, hanno reso questo strumento sempre meno efficace: il numero dei controlli da studi di settore da parte dell’Agenzia delle Entrate è in calo dal 2011.

Roadmap

  • aggiornamento annuale studi di settore;
  • riduzione numero studi di settore;
  • revisione processo metodologico;
  • riduzione numero variabili del modello;
  • riduzione  numero cluster (gruppi di elementi omogenei in un insieme di dati in base ai quali sono costruiti gli studi, attualmente oltre 2mila).

L’idea è quella di non lavorare più per cluster, introducendo invece i modelli organizzativi di business (MOB), che rappresenterebbero quindi un nuovo parametro di riferimento. Bisogna vedere se e come proseguiranno i lavori per arrivare a una precisa ipotesi di semplificazione del sistema.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti