Cedolare Secca

L’opzione cedolare secca, nei contratti di locazione, implica un regime facoltativo per il quale il proprietario di un immobile ad uso abitativo paga un’imposta sostitutiva di IRPEF e addizionali.

Su PMI.it tutte le novità sulla cedolare secca negli affitti: cosa è, come funziona, come e quanto si paga, casi particolari e consigli su come valutare la convenienza dell’opzione.

Ultime notizie

Cedolare secca: aliquote

Tale imposta forfettaria si calcola applicando:

  • un’aliquota del 21% sul canone di locazione lordo annuo, se il contratto è a canone libero;
  • un’aliquota del 10% se si applica un canone concordato.

I contratti di locazione gestiti con cedolare secca sono esentati anche dal pagamento dell’imposta di registro e da quella di bollo dovute per registrazione, risoluzione o proroghe dei contratti stessi, mentre non rimane l’obbligo di imposta di registro per l’eventuale cessione.

Cedolare secca: conviene?

A fronte di queste agevolazioni, scegliere la cedolare secca significa rinunciare a chiedere, per l’intera durata dell’opzione, l’aggiornamento del canone di locazione, anche se contrattualmente previsto, ivi compresa la variazione accertata dall’ISTAT.

Per valutare la convenienza della cedolare secca va inoltre ricordato che:

  • in fase di dichiarazione dei redditi la cedolare secca si applica sul 100% del canone incassato annualmente, mentre il canone annuo di locazione senza cedolare secca, ovvero in regime IRPEF, viene dichiarato al 66,5% in caso di contratti a canone concordato e per studenti universitari fuori sede (al 95% nel caso di contratti a canone libero);
  • il reddito totale su cui calcolare l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) in caso di scelta della cedolare secca implicherà un valore più alto (reddito personale + 100% del reddito da locazione), rispetto all’applicazione del regime IRPEF (reddito personale +il 95% o 66,5% del reddito da locazione);
  • sul reddito assoggettato a cedolare e sulla cedolare stessa non possono essere fatti valere rispettivamente oneri deducibili e detrazioni.

Chi può optare per la cedolare secca

Tale regime facoltativo può essere scelto solo dalle persone fisiche in grado di esercitare il diritto di proprietà o il diritto reale di godimento (es: usufrutto) e che non lochino l’immobile per esercizio di attività di impresa, arti o professioni.

L’opzione comporta l’applicazione delle regole della cedolare secca per l’intero periodo di durata del contratto (o della proroga) o, nei casi in cui l’opzione sia esercitata nelle annualità successive alla prima, per il residuo periodo di durata del contratto.

La revoca deve essere effettuata entro 30 giorni dalla scadenza dell’annualità precedente e comporta il versamento dell’imposta di registro, eventualmente dovuta.

È possibile optare per la cedolare secca sia alla registrazione del contratto sia negli anni successivi, in caso di affitti pluriennali. In caso di proroga del contratto, è necessario confermare l’opzione della cedolare secca contestualmente alla comunicazione di proroga entro 30 giorni dalla scadenza del contratto o di una precedente proroga.

A quali immobili è applicabile

Per quanto sopra detto, la cedolare secca è applicabile a tutti gli immobili di categoria catastale che va da A1 ad A11, esclusa la A10 che si riferisce a studi o uffici privati. Dette unità immobiliare devono quindi essere locate a esclusivo uso abitativo.

Tutti gli articoli
Locazione

Cedolare secca sugli affitti: guida 2021

Guida al regime della cedolare secca per i contratti di locazione: chi può usufruirne, per quali contratti di affitto e immobili e le aliquote aggiornate.

5 schede

Aperture

Legge di Bilancio, stop cedolare secca negozi

Non viene approvata la proroga cedolare secca negozi, aliquota al 21% fino al 31 dicembre 2019, poi torna la tassazione ordinaria: misura in Legge di Bilancio, proteste Confedilizia.

Paper house under a magnifying lens

Cedolare secca al 10% sui canoni concordati

Niente aumenti sulla cedolare secca, che resta al 10% sugli affitti a canone concordato, mentre resta da capire il destino dell’aliquota al 21% sui negozi: verso la manovra 2020.

airbnb

Cedolare secca per affitti Airbnb

Per gli affitti brevi di immobili abitativi al di fuori dell’attività di impresa si applica la cedola secca, i portali come Airbnb fanno da sostituto d’imposta: interpello Agenzia delle Entrate.