Deposito Bilanci: la Guida Unioncamere

di Barbara Weisz

scritto il

Presentazione del Bilancio in XBRL: istruzioni, doppio deposito in Pdf, strumenti online, moduli, imposte: la Guida delle Camere di Commercio.

Modalità di trasmissione online del Bilancio, software applicativi, elenco soci, modulistica, norme: tutto spiegato nel Manuale operativo di Unioncamere per il deposito dei bilanci al Registro Imprese. Il termine di presentazione del bilanci, lo ricordiamo, resta fissato anche nel 2021 a 30 giorni dalla sua approvazione (art. 2435 del codice civile), scadenza confermata anche nei casi particolari, così come spiegato nella Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 3723/C del 15 aprile 2020.

=> Bilancio d'esercizio 2021: approvazione e scadenze

Tassonomia XBRL

Il formato XBRL (eXtensible Business Reporting Language) è obbligatorio dal 2010 (DPCM 10 dicembre 2008). La versione da utilizzare per i bilanci 2020 è la 2018-11-04. La tassonomia consente di rendere il prospetto contabile nel formato XBRL corrispondente a quello approvato in assemblea. Le aziende possono utilizzare diversi software disponibili sul mercato per produrre un’istanza XBRL, o utilizzare gli strumenti gratuiti del sito WebTelemaco, sezione Bilanci > Compilazione > Bilanci Xbr > Strumenti: consente di compilare il bilancio, validarlo, visualizzarlo in Html.

=> Bilancio XBRL con Excel: il piano dei conti

Per la verifica della correttezza formale è disponibile lo strumento TEBE. Il file generato avrà l’estensione .xbrl, l’allegato con la firma digitale assumerà l’estensione .xbrl.p7m.

=> Bilancio XBRL con Excel: l'istanza

Esenzioni XBRL

Il formato XBRL è obbligatorio per tutte le aziende, con le seguenti eccezioni:

  • società che applicano, per obbligo o facoltà, i principi contabili internazionali IAS/IFRS;
  • banche e intermediari finanziari;
  • società di assicurazione e riassicurazione che utilizzano schemi specifici, individuate dal Dlgs 38/2005;
  • società controllate e società incluse nel bilancio consolidato redatto dalle società di cui ai punti precedenti.

Escluse dall’obbligo di XBRL le seguenti tipologie di bilancio:

  • consolidato della società controllante (codice atto – 714),
  • bilancio di società estere avente sede secondaria in Italia (codice atto – 715),
  • bilancio sociale (codice atto – 716),
  • situazione patrimoniale impresa sociale (codice atto – 717),
  • consolidato di società di persone (codice atto – 721),
  • bilancio finale di liquidazione (codice atto – 730).

Il doppio deposito

È necessario presentare anche il file PDF/A-1 nell’ipotesi in cui l’azienda, per motivi legati alla sua particolare situazione, non ritenga la vigente tassonomia compatibile con i principi di chiarezza, correttezza e verità di cui all’art. 2423 del codice civile. In questo caso, oltre ad allegare il bilancio in formato PDF/A-1, è necessario indicare le motivazioni del doppio deposito inserendo apposita dichiarazione in calce alla nota integrativa.

Il doppio deposito va effettuato se si ritiene che la tassonomia XBRL non sia sufficiente a descrivere la propria situazione economico-finanziaria. Non è invece necessario se le differenze tra il documento approvato in assemblea e il bilancio in formato XBRL sono esclusivamente formali e non sostanziali, poiché in tal caso non si incorre nel rischio di nullità della deliberazione assembleare ai sensi dell’art.2434-bis codice civile,  come stabilito dalla sentenza della Corte d’Appello di Torino del 24 agosto del 2000: “Non si ha nullità se la violazione è sostanzialmente irrilevante, in quanto priva di consistenza, pertanto meramente formale, di immediata percezione o di agevole correzione a seguito delle informazioni rese in assemblea”.

Modalità di presentazione

Sceglieranno la modalità bilanci online le società che riconfermano l’elenco soci dell’anno precedente (Società per azioni, SAPA), o che depositano un bilancio che non necessita di presentazione dell’elenco soci (società a responsabilità limitata, Società Cooperativa, Contratti di Rete, Aziende Speciali e Istituzioni degli Enti Locali). Questa modlaità è veloce e non richiede installazione di software specifico.

Si utilizzeranno invece la modalità “FedraPlus” o programmi compatibili, sia per il deposito di un bilancio con presentazione di un nuovo elenco soci, sia per l’invio di un bilancio con riconferma dell’elenco soci dell’anno precedente o di un bilancio che non necessita di presentazione dell’elenco soci (Srl, Cooperative, Contratti di Rete). Gli aggiornamenti di FedraPlus sono disponibili sul sito Telemaco alla voce strumenti software > download. Il manuale contiene tutte le istruzioni dettagliate per le diverse modalità di compilazione e invio.

=> Analisi del Bilancio aziendale con Excel

I moduli

Si utilizza il modulo B. Società per azioni, Sapa e Società Consortili per azioni che sono tenute a depositare l’elenco soci, o la sua riconferma, devono allegare il modulo S. Per le Srl non è più ammesso il deposito dell’elenco soci (art. 16 comma 12 octies legge n. 2/2009). In caso di presentazione attraverso un professionista (come il commercialista), potrà essere allegato il modulo XX-NOTE per inserire, ad esempio, la dichiarazione del professionista incaricato. La pratica deve contenere:

  • prospetto contabile, costituito da stato patrimoniale e conto economico, codificato esclusivamente in formato XBRL sulla base della vigente tassonomia;
  • nota integrativa, che non potendo essere ancora resa nel nuovo formato elettronico elaborabile, sarà invece prodotta in formato PDF/A-1;
  • gli altri documenti che accompagnano il bilancio, ad esempio la Relazione sulla Gestione, la Relazione del Collegio sindacale, la Relazione del Revisore legale ed il Verbale di approvazione dell’Assemblea, allegati in formato PDF/A-1.

Il Manuale contiene tutte le specifiche tecniche e le informazioni dettagliate sulla redazione del bilancio e sui documenti da allegare per le varie tipologie di bilanci: ordinario, abbreviato, consolidato, bilancio sociale. Ci sono poi una serie di norme particolari per cooperative, consorzi, contratti di rete, aziende speciali ed enti locali, start up innovative, società estere con sede secondaria in Italia, Confidi, consorzi per l’internazionalizzazione, banche di credito cooperativo, gruppo europeo di interesse economico, enti operanti nel settore musicale.

Bollo e segreteria

Il Decreto interministeriale MISE – MEF del 4 gennaio 2021 ha stabilito che l’importo dei diritti di segreteria è pari a 62,70 euro per via telematica e a 92,70 euro per il deposito effettuato mediante supporto informatico digitale.

Per le Cooperative Sociali l’importo dei diritti di segreteria per deposito bilancio telematico è pari 32,70 euro per via telematica e a 47,70 euro su supporto informatico digitale.

L’imposta di bollo costa invece in tutti i casi 65 euro.

Gli incubatori certificati sono esentati dal versamento dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria per i primi cinque anni di iscrizione nell’apposito registro.

Le startup innovative sono esentate dal versamento sia dei diritti di segreteria che dell’imposta di bollo.

Su WebTelemaco (clicca qui) anche funzioni di spedizione per Spa (società per azioni), Sapa (accomandita) e SCpA (società consortile).