Crisi e inflazione: la BCE ribassa le stime sul PIL

di Redazione PMI.it

scritto il

Mario Draghi invita i Governi europei a proseguire il percorso di consolidamento, perché la ripresa è ancora troppo lenta. Riviste le stime del Pil e dell'inflazione.

Il presidente della BCE, Mario Draghi, ha commentato positivamente le aste a tre anni che hanno fornito al sistema finanziario europeo oltre mille miliardi di liquidità, le azioni di consolidamento fiscale (come il “fiscal compact” europeo volto a migliorare la governance economica nell’Eurozona) e le riforme strutturali messe in campo dai Governi.

Ma non è il momento di accontentarsi perché la ripresa c’è, è vero, ma «è graduale, molto graduale, se non lenta» e «ora la palla passa ai Governi», ha spiegato Draghi.

Le indagini sull’attività economica nell’area Euro evidenziano «segni di stabilizzazione», ma «le prospettive restano soggette a rischi al ribasso» e, di conseguenza vengono riviste, in senso negativo, le stime sul PIL per il biennio in corso.

PIL e Inflazione

Nella zona Euro il PIL farà registrare un andamento tra -0,5% e +0,8% nel 2012 (contro il -0,4% e +1% delle previsioni di dicembre) e tra 0 2,2% nel 2013 (+0,3% e +1,3% a dicembre).

Nel 2012 l’inflazione raggiungerà quota 2% «spinta dalla crescita dei prezzi dell’energia».

L’impegno della BCE, ha sottolineato il presidente è la «stabilità dei prezzi». Intanto Draghi rivela per il momento non è previsto nessun cambiamento per i tassi di interesse.

Mercato del lavoro

Anche nell’UE la questione del mercato del lavoro resta un nodo centrale perché ancora “carente”, «l’occupazione non sale».

I Video di PMI