Tratto dallo speciale:

Spostamenti di Natale tra nuova stretta e allentamenti

di Redazione PMI.it

scritto il

Restrizioni sugli spostamenti di Natale: possibili correttivi al calendario Covid nei giorni rossi e il dibattito sulle deroghe per piccoli comuni.

Il dibattito è ancora in corso e non ci sono quindi certezze: da un lato la richiesta è di un allentamento per gli spostamenti di Natale (richieste in questo senso da parte delle opposizioni e delle forze interne alla maggioranza) dall’altro l’incremento degli assembramenti per lo shopping di Natale con la necessità di una nuova stretta.

Il Governo sta studiando le alternative a disposizione, innanzitutto sul divieto di muoversi tra Comuni diversi il 25, 26 dicembre e primo gennaio. Il divieto sarà eliminato soltanto per i piccoli comuni, il resto d’Italia probabilmente sarà considerato come zona rossa. Da capire se far scattare il provvedimento per il 19 e 20 dicembre o aspettare di arrivare a ridosso del Natale.

Attualmente, le regole per il periodo compreso fra il 21 dicembre e il 6 gennaio sono contenute in uno specifico decreto legge già in vigore (dl 158/2020) e tutti i chiarimenti, anche relativi a situazioni specifiche, sono contenuti nelle FAQ del Governo (c’è una sezione speciale dedicata agli spostamenti di Natale).

In estrema sintesi, sono vietati gli spostamenti fra regioni, anche in zona gialla, dal 21 dicembre al 6 gennaio. E questa parte del provvedimento, pur essendo al centro di critiche e proposte di modifica, potrebbe restare immutata. Gli allentamenti allo studio riguardano invece il divieto di uscire dal comune, previsto solo per le tre giornate dal 25 e 26 dicembre e primo gennaio.

=> Covid: regole e FAQ sugli spostamenti a dicembre

Le opposizioni avevano chiesto di eliminare il divieto a ridosso di Natale e Capodanno: «Ci si può muovere liberamente da un punto all’altro di una grande città come Roma o Milano percorrendo anche trenta chilometri di distanza, ma si impedisce a familiari di attraversare la strada il giorno di Natale perché residenti in Comuni limitrofi» si legge in una nota congiunta di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia al Senato.

A favore di un allentamento delle misure si erano espressi anche forse interne alla maggioranza, nello specifico M5S e Italia Viva. Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, definisce «assurdo non permettere ai familiari che abitano in piccoli comuni limitrofi di trascorrere il Natale e il Capodanno insieme. Ci sono grandi città da milioni di persone con una densità molto vasta dove è possibile spostarsi liberamente, mentre tra piccoli comuni di poche migliaia di persone non è permesso. Questo è un problema che va risolto e mi auguro che tutte le forze di maggioranza siano d’accordo nel trovare una soluzione». La ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova: «leggo con piacere che diversi esponenti politici, anche autorevoli colleghi di governo di partiti diversi dal mio, finalmente danno atto che il divieto di spostamento dal proprio comune a Natale e Capodanno è una misura eccessiva, incomprensibile e ingiusta, specie per chi abita nei comuni più piccoli».

Richieste analoghe erano arrivate dai presidenti di Regioni, ad esempio Attilio Fontana, Lombardia, e Giovanni Toti, Liguria. Sull’altro fronte, a rallentare sui cambiamenti in nome dell’esigenza di prudenza è il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Ci sono comunque diverse ipotesi allo studio. La prima, correggere il decreto nel corso dell’iter parlamentare. La mozione del centrodestra che chiede l’abolizione dei tre giorni di spostamento dovrebbe andare in calendario per il 16 dicembre al Senato. In preparazione, ci sarebbe anche una proposta di modifica da parte dello stesso Governo, che potrebbe introdurre un correttivo parzialmente la norma, senza eliminare il divieto ma limitandolo ai Comuni sopra determinate soglie di abitanti, oppure lasciando libera la circolazione nella stessa Regione almeno il giorno di Natale. Non si esclude l’inserimento di specifiche deroghe, ad esempio riferite al caso di parenti anziani.

Da un lato allentamento, dunque, dall’altro ulteriori restrizioni per evitare la terza ondata Covid.

I Video di PMI