L’Apprendistato per i Quadri delle PMI

di Francesca Vinciarelli

scritto il

L'accordo tra Confapi e Federmanager sui contratti di apprendistato per alta formazione e ricerca dei Quadri superiori delle PMI.

Confapi e Federmanager hanno firmato l’accordo sull’apprendistato di alta formazione e ricerca dei Quadri Superiori delle PMI in ottemperanza dell’art. 5 del D.Lgs. n. 167/2011, come modificato dalla Legge n. 92/2012.

Tale disciplina si applica a tutte le assunzioni con tale tipologia contrattuale di apprendisti con età compresa tra 18 e 29 anni, finalizzate all’acquisizione di un titolo di studio, all’accesso alle professioni ordinistiche o di carattere professionale, che prevedano un percorso di formazione in azienda, utile all’inquadramento nella qualifica di Quadro Superiore.

=> Leggi di più sull’apprendistato nelle PMI 

Contratto

Nel contratto scritto tra azienda e apprendista devono essere indicati la prestazione, il piano formativo e la qualifica/titolo di studio che è possibile acquisire al termine del periodo di apprendistato in oggetto. La mancata indicazione del percorso formativo individuale dell’apprendista nel contratto di apprendistato ne comporta la nullità.

=> Leggi dei nuovi controlli sull’apprendistato in azienda

Prova

Il periodo di prova, antecedente all’assunzione dell’apprendista, può arrivare fino ad un massimo di 6 mesi in caso di contratto a tempo pieno, o di durata proporzionalmente maggiore in caso di part-time.

Retribuzione

Da punto di vista retributivo si fa riferimento a quanto previsto per i Quadri Superiori, per poi applicare le seguenti percentuali:

  • 40% della retribuzione lorda prevista per i Quadri superiori fino al 12° mese di apprendistato;
  • 60% dal 13° mese al 24°;
  • 75% dal 25° al 36° (o successivi nel caso in cui la regolamentazione regionale preveda, in accordo con le parti sociali e le istituzioni formative una durata dell’apprendistato superiore ai 36 mesi).

Nell’intervallo di tempo che va dal 25° mese alla fine del servizio si applica anche la disciplina in materia di assistenza sanitaria integrativa e di previdenza complementare prevista dai rispettivi accordi in materia per i Quadri Superiori.

Formazione

Il percorso formativo, che consente di maturare dei crediti formativi, ed i relativi profili formativi devono essere stabiliti dalle Regioni in accordo con le parti sociali e le istituzioni formative o, in assenza di tale regolamentazione, mediante la stipula di una convenzione tra datore di lavoro e istituzione formativa.

=> Approfondisci l’apprendistato: Regioni, nuovo contratto e incentivi

Tutor

Nel proprio percorso formativo l’apprendista sarà affiancato e supportato dalle competenze di un tutor accademico ed un tutor aziendale, che sono inoltre chiamati a partecipare alla definizione del percorso formativo individuale dell’apprendista da allegare nel contratto.