Naspi durante il tirocinio, le regole

di Barbara Weisz

scritto il

La Naspi e altri eventuali sussidi di sostegno al reddito per disoccupati sono compatibili con il tirocinio, ma il lavoratore non percepisce l'indennità per lo stage: le regole.

Il tirocinio non è un’attività lavorativa, e di conseguenza il reddito che ne deriva è cumulabile con la Naspi: l’indicazione è contenuta nelle Linee Guida sul tirocinio, che sottolineano appunto la natura non lavorativa delle prestazioni che quindi sono compatibili con lo stato di disoccupazione e con la percezione del relativo ammortizzatore sociale. Il lavoratore, però, nel momento in cui percepisce la Naspi, non riceve l’indennità di tirocinio.

=> Superbonus tirocini fino al 2018

Il tirocinio, si legge nelle linee guida,

«è una misura formativa di politica attiva, finalizzata a creare un contatto diretto fra soggetto ospitante e tirocinante allo scopo di favorirne l’arricchimento del bagaglio di conoscenze, l’acquisizione di competenze professionali e l’inserimento o reinserimento lavorativo». E «consiste in un periodi di orientamento al lavoro e di formazione in situazione che non si configura come rapporto di lavoro».

Il tirocinio può essere: di orientamento, di inserimento o reinserimento, di orientamento o inserimento a favore di lavoratori disabili. Attenzione: le altre tipologie di tirocinio (curriculare, pratica professionale, transnazionale, per extracomunitari nell’ambito delle quote d’ingresso, estivi) seguono regole a parte, anche per quanto riguarda l’eventuale compatibilità con i sussidi di disoccupazione.

=> Tirocinio: le linee guida Governo e Regioni

Il tirocinio vero e proprio, quindi di orientamento o di inserimento e reinserimento, è svolto sulla base si specifiche convenzioni, è sempre accompagnato da un progetto formativo, deve prevedere la copertura INAIL contro gli infortuni sul lavoro e l’assicurazione per la responsabilità civile presso terzi. Le Regioni possono prevedere regole specifiche relative al numero massimo di tirocinanti in contemporanea per ciasuna azienda, nell’ambito dei seguenti limiti (che non comprendono i disabili):

  • aziende fino a cinque dipendenti: un tirocinante;
  • aziende fra sei e venti dipendenti: due tirocinanti;
  • imprese oltre i 20 dipendenti: al massimo il 10% dei dipendenti a tempo indeterminato.

=> Calcolare il premio INAIL per tirocini in azienda

Ai tirocinanti viene corrisposta un’indennità che non può essere inferiore ai 300 euro lordi mensili: nel rispetto di questo limite, la decisione sull’indennità spetta alle Regioni. Attenzione: se però il tirocinante percepisce un sussidio di sostegno al reddito, quindi ad esempio la Naspi l’indennità non viene corrisposta.

I Video di PMI

Reddito di cittadinanza: requisiti e sussidio