Collaboratori protetti dal Mobbing

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Dal 1° gennaio 2016 l’applicazione delle misure previste dal Jobs Act consentirà anche ai collaboratori di essere protetti contro il mobbing.

Tra le novità derivanti dall’applicazione delle misure previste dal Jobs Act che hanno preso il via dal 1° gennaio 2016 ci sono quelle che prevedono la protezione dal mobbing anche per i collaboratori. Di fatto viene estesa la disciplina che tutela il rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità di esecuzione siano organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.

=> La Riforma dei Contratti a Progetto

Con questa misura il Governo ha voluto muoversi sia nella direzione del completo superamento dei contratti a progetto che del miglioramento della protezione di tutti i lavoratori titolari di rapporti non subordinati.

=> Mobbing, la Cassazione dice come individuarlo

Secondo l’interpretazione corrente e consolidata della giurisprudenza, il datore di lavoro risponde del danno di mobbing arrecato al dipendente anche qualora questo sia stato causato da un altro lavoratore in posizione di supremazia gerarchica o di parità rispetto alla vittima. Il datore di lavoro può essere esentato da tale responsabilità solo nel caso in cui l’evento lesivo si sia verificato sul luogo di lavoro solo in via del tutto accidentale e casuale.

=> Demansionamento: risarcimento anche senza mobbing

In caso di mobbing orizzontale, o tra pari, occorre provare che il datore di lavoro sia rimasto inerte di fronte ad una situazione a lui nota.

I Video di PMI

La riforma dell’articolo 18