Tratto dallo speciale:

Mappa Coronavirus: la situazione in Italia a Gennaio 2022

di Noemi Ricci

scritto il

Tutti i numeri del contagio da Covid-19 in Italia: i dati del Ministero della Salute aggiornati segnalano un aumento preoccupante di casi e di ricoveri.

Peggiora la situazione in Italia legata alla pandemia di Coronavirus, la variante Omicron si sta facendo sempre più strada, anche tra i vaccinati, ma una corretta e completa copertura vaccinale resta comunque fondamentale per prevenire le complicazioni della malattia associata al virus SARS-CoV-2. E mentre riaprono le scuole tra timori e polemiche, ed entrano in vigore le nuove norme stabilite dal Governo per tentare di contenere l’incredibile ondata di contagi che sta travolgendo il Paese, tra cui le nuove regole sulla quarantena, sull’obbligo vaccinale e sulla durata del Green Pass, vediamo tutti i numeri dei casi di Covid-19 in Italia comunicati dal Ministero della Salute.

Allarme Covid in Italia

L’ultimo monitoraggio Covid-19 del Ministero della Salute evidenzia un drastico peggioramento dell’epidemia con una incidenza settimanale che a livello nazionale raggiunge i 1.700 casi per 100.000 abitanti, quindi oltre 20 volte la soglia di “sicurezza” dei 50 casi settimanali per 100.000 abitanti. Una soglia troppo elevata per riuscire ad avere una puntuale mappatura dei contatti dei casi. Oggi risulta infatti bassissima e in continua diminuzione la percentuale di casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento.

Aumenta invece la velocità di trasmissione del virus nella maggior parte delle regioni Italiane.

Per la prima volta si osservano segnali plurimi di allerta a livello regionale nelle attività di sorveglianza e indagine dei contatti che porta in numerose regioni il non raggiungimento della qualità minima dei dati sufficiente alla valutazione del rischio e la conseguente classificazione a rischio non valutabile che equivale a rischio alto.

Tasso di ricovero

Inizia a preoccupare seriamente la pressione sui servizi ospedalieri: è assolutamente “necessario invertire rapidamente la tendenza per evitare condizioni di estremo sovraccarico dei servizi sanitari, già oggi fortemente impegnati”, sottolinea il Ministero.

L’epidemia si trova in una fase delicata e, in assenza di misure di mitigazione significative, un ulteriore rapido aumento nel numero di casi e nelle ospedalizzazioni nelle prossime settimane è altamente probabile.

Secondo l’Istituto Superiore della Sanità (ISS) i ricoveri nelle unità di terapia intensiva sono 25,6 volte più numerosi nei non vaccinati rispetto a coloro che hanno avuto tre dosi di vaccino. In particolare il tasso di ricovero nelle terapie intensive attualmente è pari a:

  • 23,1 ogni 100.000 abitanti per i non vaccinati;
  • 1,5 ogni 100.000 per i vaccinati da oltre 120 giorni;
  • 1 ogni 100.000 per vaccinati da meno 120 giorni;
  • 0,9 ogni 100.000 per i vaccinati con la dose booster.

Nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster il tasso di ricovero è 8,8 ogni 100mila. Ecco perché il Ministero raccomanda una più elevata copertura vaccinale, in tutte le fasce di età, anche quella 5-11 anni, e di mantenere elevata risposta immunitaria attraverso la dose di richiamo, con particolare riguardo alle categorie indicate dalle disposizioni ministeriali. Si segnala inoltre che la variante Delta è ancora predominante in Italia, ma la diffusione della variante Omicron è in rapido aumento.

=> Obbligo vaccinale agli ultra cinquantenni dall'8 gennaio

Covid-19: i numeri in Italia

Oggi in Italia si contano:

  • 2,004,597 casi positivi con un incremento di +60,618 casi;
  • i dimessi/guariti sono 5,410,482 con un incremento di +56,560 casi;
  • sono decedute 139,265 persone (+227);
  • 7,554,344 casi da inizio pandemia con un incremento di +101,762 in un giorno (contro i +155.659 di ieri);
  • le persone in terapia intensiva sono 1.606 (+11);
  • i ricoverati in reparti ordinari sono 16.340 (+693).

Vaccini

Sono circa 4 milioni le dosi di vaccino distribuite nel periodo tra il 12 e il 14 gennaio: un milione di dosi di Moderna, 2,1 milioni di Pfizer per adulti e oltre 800mila dosi pediatriche Pfizer. Nella giornata del 10 gennaio è stata oltrepassata la soglia delle 610mila somministrazioni (64mila prime dosi, di cui oltre 19mila per over 50). In Italia ad oggi sono state somministrate 116.256.181 dosi di vaccino anti Sars-coV-2:

  • Totale con almeno una dose: 48.332.948 pari all’89,49% della popolazione over 12;
  • Totale ciclo vaccinale: 46.678.236 pari all’86,43% della popolazione over 12;
  • Totale guariti da non più di 6 mesi 462.440 pari allo 0,86% della popolazione over 12;
  • Totale con almeno una dose + guariti da al massimo 6 mesi: 48.795.388 pari al 90,35% della popolazione over 12;
  • Totale dose addizionale/richiamo (booster): 3.697.954 pari al 59,94% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno quattro mesi.

Somministrazione platea 5-11 anni:

  • Totale con almeno una dose: 639.081 pari al 17,48% della popolazione 5-11;
  • Totale ciclo vaccinale: 72.367, pari all’1,98% della popolazione 5-11;
  • Totale guariti da non più di 6 mesi: 158.883 pari al 4,35% della popolazione 5-11.

Mappa Covid-19 in Italia

Quasi tutte le zone di Italia sono classificate a rischio alto (o equiparato) o moderato con alta probabilità di progressione a rischio alto.

Dati regionali

Regioni, totale casi, attuali e incremento:

  • Lombardia: 1,554,778 (519,212) (17,581)
  • Veneto: 771,246 (190,199) (7,492)
  • Campania: 702,562 (164,928) (13,107)
  • Emilia-Romagna: 691,118 (212,099) (14,194)
  • Lazio: 620,145 (171,761) (9,440)
  • Piemonte: 605,597 (144,421) (8,571)
  • Toscana: 504,726 (173,897) (5,790)
  • Sicilia: 457,153 (118,640) (7,803)
  • Puglia: 356,196 (64,281) (2,813)
  • Liguria: 184,696 (16,563) (2,204)
  • Friuli Venezia Giulia: 183,155 (34,879) (1,601)
  • Marche: 161,283 (10,888) (879)
  • Abruzzo: 142,916 (50,417) (2,372)
  • Calabria: 128,900 (28,524) (1,616)
  • Umbria: 114,089 (33,855) (1,063)
  • P.A. Bolzano: 112,230 (11,732) (1,135)
  • Sardegna: 99,264 (16,684) (1,792)
  • P.A. Trento: 79,910 (21,122) (1,164)
  • Basilicata: 43,595 (10,654) (302)
  • Valle d’Aosta: 20,594 (5,149) (450)
  • Molise: 20,191 (4,692) (393)

Dati provinciali

Province – totale e incremento casi:

  • Milano: 524,927 (7355)
  • Roma: 457,472 (7713)
  • Napoli: 408,578 (867)
  • Torino: 312,140 (4046)
  • Brescia: 182,675 (1725)
  • Bologna: 160,244 (4061)
  • Varese: 150,689 (1559)
  • Firenze: 150,273 (1916)
  • Padova: 148,527 (1355)
  • Monza e della Brianza: 147,813 (1497)
  • Treviso: 146,475 (1182)
  • Verona: 144,483 (1659)
  • Vicenza: 129,917 (1206)
  • Venezia: 126,856 (1249)
  • Bari: 126,794 (1571)
  • Palermo: 112,886 (1096)
  • Catania: 112,262 (1483)
  • Bolzano: 112,230 (1135)
  • Salerno: 110,697 (390)
  • Bergamo: 110,490 (1837)
  • Modena: 108,172 (1361)
  • Caserta: 105,643 (64)
  • Como: 98,080 (513)
  • Genova: 91,403 (10343)
  • Cuneo: 85,314 (1175)
  • Perugia: 83,660 (761)
  • Trento: 79,910 (1164)
  • Pavia: 79,845 (735)
  • Reggio nell’Emilia: 79,823 (1896)
  • Udine: 76,094 (802)
  • Rimini: 71,687 (1632)
  • Forlì-Cesena: 70,468 (2019)
  • Ravenna: 61,830 (1193)
  • Latina: 60,459 (835)
  • Foggia: 59,898 (313)
  • Messina: 58,760 (1438)
  • Pisa: 58,254 (597)
  • Mantova: 58,092 (349)
  • Ancona: 51,932 (526)
  • Parma: 50,679 (263)
  • Alessandria: 50,461 (703)
  • Taranto: 50,270 (123)
  • Lucca: 49,840 (565)
  • Lecce: 49,466 (620)
  • Frosinone: 49,395 (326)
  • Cremona: 48,449 (324)
  • Reggio di Calabria: 47,651 (720)
  • Novara: 47,054 (632)
  • Arezzo: 45,102 (506)
  • Pistoia: 44,106 (440)
  • Lecco: 43,954 (295)
  • Ferrara: 43,760 (1277)
  • Trieste: 43,391 (221)
  • Prato: 41,603 (373)
  • Pordenone: 39,815 (474)
  • Chieti: 38,739 (2219)
  • Siracusa: 37,970 (667)
  • Livorno: 36,825 (595)
  • Cosenza: 36,517 (454)
  • Barletta-Andria-Trani: 35,388 (97)
  • Teramo: 35,309 (1889)
  • Lodi: 35,168 (338)
  • Piacenza: 34,139 (221)
  • Pescara: 33,920 (1226)
  • Pesaro e Urbino: 33,373 (107)
  • Avellino: 33,311 (115)
  • Siena: 33,091 (340)
  • In fase di definizione/aggiornamento: 33,062 (445)
  • Trapani: 32,434 (1117)
  • Belluno: 31,627 (290)
  • L’Aquila: 31,583 (1369)
  • Macerata: 31,308 (98)
  • Brindisi: 31,240 (56)
  • Savona: 29,895 (2755)
  • Ragusa: 29,470 (612)
  • Cagliari: 29,430 (137)
  • Agrigento: 29,224 (819)
  • Asti: 28,785 (448)
  • Rovigo: 28,701 (345)
  • Viterbo: 28,622 (311)
  • Caltanissetta: 28,583 (353)
  • Potenza: 28,324 (147)
  • Imperia: 27,872 (988)
  • Sassari: 27,868 (288)
  • La Spezia: 26,291 (2486)
  • Sondrio: 26,022 (535)
  • Terni: 25,445 (265)
  • Massa Carrara: 24,665 (276)
  • Verbano-Cusio-Ossola: 22,759 (404)
  • Benevento: 21,526 (-172)
  • Gorizia: 21,094 (69)
  • Biella: 20,978 (457)
  • Vercelli: 20,957 (284)
  • Grosseto: 20,412 (182)
  • In fase di definizione/aggiornamento: 19,259 (11819)
  • Ascoli Piceno: 18,969 (53)
  • Aosta: 18,312 (394)
  • Fermo: 18,273 (59)
  • Rieti: 18,131 (255)
  • Catanzaro: 17,221 (151)
  • Nuoro: 16,610 (915)
  • Sud Sardegna: 16,555 (280)
  • Enna: 15,564 (218)
  • Fuori Regione / Provincia Autonoma: 15,512 (74)
  • Campobasso: 14,380 (233)
  • In fase di definizione/aggiornamento: 14,316 (384)
  • Vibo Valentia: 14,126 (104)