Disoccupati: requisiti per sussidi Covid

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Chiara chiede

E’ prevista la proroga NASpI anche per coloro che hanno perso il lavoro a causa della scadenza del contratto a fine marzo 2020 quando, terminato il contratto, l’azienda è rimasta chiusa fino a giugno e alla riapertura non ha prorogato i contratti? C’è possibilità di proroga o altro sussidio Covid per chi è adesso senza lavoro per mancato rinnovo?

Barbara Weisz risponde

Mi pare di capire che a lei sia scaduto un contratto a termine. Direi che quindi ha diritto alla NASpI senza bisogno di utilizzare la proroga, che riguarda esclusivamente coloro che avevano esaurito l’ammortizzatore sociale fra marzo e aprile 2020.

Lei può però utilizzare un’altra proroga, quella relativa ai termini di presentazione della domanda. Di norma, infatti, la NASpI  va chiesta entro 68 giorni dall’evento che ha determinato lo stato di disoccupazione, nel suo caso la scadenza del contratto a termine. Il Cura Italia (dl 18/2020, articolo 33, comma 1) ha però allungato questo termine di 60 giorni, portando quindi il totale a 128 giorni (quattro mesi abbondanti).

Mi pare che lei possa ancora rientrare in questi termini, essendo il suo contratto scaduto a fine marzo. La domanda si presenta all’INPS in via telematica, utilizzando il servizio dedicato, oppure rivolgendosi a un intermediario.

Le ricordo brevemente i requisiti per il diritto alla NASPI. Spetta a lavoratori dipendenti che abbiamo perso involontariamente il lavoro (anche per scadenza del contratto a termine, come nel suo caso), a patto che abbiamo almeno 30 giorni di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti lo stato di disoccupazione, e 13 settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti. Il riferimento normativo è il dlgs 22/2015.

Per quanto riguarda la proroga dei termini per la domanda stabilita a causa dell’emergenza Coronavirus, ci sono indicazioni operative contenute nella circolare INPS 49/2020.