Decollo incerto per Windows Vista in azienda

di Redazione PMI.it

scritto il

Studi di settore evidenziano un approccio controverso nei confronti del nuovo sistema operativo di Microsoft da parte delle aziende. I maggiori dubbi rigurdano la compatibilità

L’upgrade ad un nuovo sistema operativo non è mai qualcosa di scontato, soprattutto negli ambienti business dove è necessaria la massima efficienza ed interoperabilità. Ne sa qualcosa Windows Vista, il nuovo sistema operativo di casa Microsoft che, a un anno dal lancio sul mercato, non ha smesso di far parlare di sé.

Tra estimatori e detrattori, le incertezze sul livello di diffusione del nuovo OS nelle aziende sono supportate dai numeri: in questi giorni, infatti, due studi contrastanti hanno destato molto interesse.

Il primo è il rapporto King Research sulla penetrazione di Windows Vista nelle imprese IT statunitensi, che ha rilevato un indice di adozione del 2%, con una soglia di scetticismo pari addirittura al 90% dei casi, con 53% di società che non sembra intenzionato ad effettuare l’upgrade ed un 44% che medita il passaggio a sistemi alternativi, ed il 9% pensa di cambiare anche la piattaforma.

A preoccupare i manager IT e le divisioni operative è il rischio della scarsa compatibilità con applicazioni e documenti di lavoro, ma anche la paventata instabilità della prima versione del sistema operativo e l’interfaccia ridisegnata rispetto a Windows Xp, come Mac, Linux, Suse e Ubuntu.

Eppure, solo pochi giorni fa un altro studio, questa volta a firma Forrester Research, preannunciava l’imminente crescita negli indici di adozione globale di Vista da parte delle aziende fino al 50% dei casi, individuando nel 2008 l’anno del consolidamento. Staremo a vedere. Intanto, però, è da considerare che l’upgrade sarà anche facilitato, gioco-forza, dal naturale ricambio generazionale degli stessi computer, ormai già dotati del nuovo sistema operativo.

I Video di PMI

I Gruppi saranno il futuro di Facebook?