I vantaggi del leader timido

di Chiara Basciano

scritto il

Perché un leader introverso può essere più efficace nel mondo aziendale.

Esistono molti stereotipi nel mondo del business, tra cui quello del manager socievole, estroverso e un po’ sfrontato. Come se il successo fosse impensabile senza un tocco di arroganza. Eppure, i dati dimostrano che non è sempre così. Lo studio ghSMART – Harvard Business Review ha individuato gli attributi specifici che differenziano i “boss ad alto rendimento”. Gli estroversi tendono a catturare l’attenzione ma gli introversi sono più efficaci e vanno alla sostanza. Inoltre sanno ascoltare meglio, sono più ricettivi e mettono a loro agio i dipendenti creando un clima migliore.

Un caso particolare in cui il leader timido funziona è la gestione del rischio, tendendo ad esaminare meglio la situazione e a non fare passi sventati, al contrario di chi è estroverso e tende a buttarsi a capofitto nelle cose senza valutare davvero i pro e i contro. Un altro vantaggio dell’essere introversi è la capacità di stare da soli. La vita del CEO, ad esempio, è piena di riunioni e impegni che non permettono di riflettere, ma gli introversi troveranno il momento per stare in solitudine per pensare alle cose da fare in maniera precisa, trovando la giusta intuizione e facendo ordine nelle idee.

L’introverso tende a delegare, non volendo stare in prima linea ma pensando al bene comune, ciò crea un ambiente di reciproca fiducia e di collaborazione. Inoltre egli diventa un esempio capace di dare un impulso positivo ai dipendenti. La sua capacità di ascolto e la sua umiltà permettono di riconoscere gli errori fatti e di migliorare.

Forse risulterà meno coinvolgente eppure i vantaggi del leader timido, come dimostrato, non sono pochi.