Dimettersi con stile

di Teresa Barone

scritto il

Lasciare il lavoro e rassegnare le dimissioni seguendo alcune utili regole comportamentali: i consigli di Hays.

Il momento di rassegnare le dimissioni segue spesso un più o meno lungo periodo di riflessione, lasso di tempo dedicato alla stesura dei pro e dei contro e alla valutazione di tutte le possibili soluzioni a un eventuale problema lavorativo che spinge verso questa scelta.

=> Scopri tutta la normativa sui licenziamenti

In ogni caso e qualunque sia la ragione che si cela dietro la volontà di lasciare il lavoro, gestire l’ultimo periodo in azienda con professionalità è senza dubbio doveroso: lo sottolineano gli esperti Hays stilando alcune regole base da rispettare.

«Le dimissioni, soprattutto se volontarie, sono la fase più delicata in un rapporto di lavoro – sottolinea Alessandro Bossi, Hays Italia Director -. Oltre a rispettare le regole dettate dalla legge, è importante seguire anche il buon senso per gestire l’ultimo periodo con la massima professionalità. Lasciare un buon ricordo ai colleghi e al capo è, infatti, fondamentale sia perché altre aziende potrebbero chiedere delle referenze, sia perché può essere opportuno lasciarsi aperte future possibilità. Del resto, il mondo lavorativo è più piccolo di quanto possa sembrare e potrebbe capitare di tornare a lavorare in quello stesso ufficio anche dopo anni.»

Il primo step da seguire è il colloquio con il proprio responsabile, che deve precedere la consegna della lettera di dimissioni. Un incontro mirato a illustrare le ragioni e a evitare attriti.

La notifica delle dimissioni deve invece seguire la procedura regolare e basata sulle leggi attuali (il Jobs Act ha introdotto la modalità telematica in vigore da marzo 2016), tenendo conto dei giorni di preavviso e di quanto indicato sull’eventuale Contrato Collettivo Nazionale.

Anche se si sta per cambiare lavoro è sempre preferibile evitare di dare sfogo alle proprie opinioni su capi e colleghi, esprimendo giudizi negativi del tutto inutili e improduttivi.

=> Dimissioni valide solo se online

L’ultimo giorno di lavoro, infine, deve trascorrere all’insegna della serenità e della cortesia: glie esperti Hays sottolineano l’importanza di  inviare una email di ringraziamento a tutto l’ufficio, occasione per lasciare i propri recapiti e per eventualmente organizzare un momento di commiato fuori dalle mura dell’ufficio.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito