Prepararsi a lasciare il lavoro

di Teresa Barone

scritto il

Prepararsi a lasciare il lavoro salvaguardando la propria reputazione e conservando ottimismo.

La decisione di lasciare il lavoro, indipendentemente dalla motivazione che si cela dietro questa scelta, non dovrebbe essere vissuta come un’esperienza negativa.

=> Leggi cosa fare subito dopo un licenziamento

Si tratta di un cambiamento che non deve compromettere la propria reputazione professionale, pertanto prima di firmare la lettera di dimissioni è fondamentale ponderare al meglio questa scelta.

Valutare la situazione è il primo passo, per essere certi che non si possa ottenere di più dal lavoro attuale. Spesso, infatti, la decisione di guardare altrove nasce dalla difficoltà nel manifestare i propri desideri di cambiamento e chiedere occasioni di crescita professionale.

Per trovare un nuovo lavoro, inoltre, è necessario trovare un equilibrio tra lo svolgimento delle mansioni dell’attuale professione e l’invio di Curriculum Vite, la partecipazione a campagne di selezione, l’organizzazione di colloqui.

=> Scopri chi è più facilmente licenziabile

C’è poi un periodo di transizione che succede alle dimissioni e precede l’inizio del nuovo lavoro, lasso di tempo che deve essere caratterizzato da ottimismo e dalla disponibilità di trasferire le proprie conoscenze a chi subentrerà in azienda, se richiesto.

Fonte immagine: Shutterstock