Curriculum Vitae disonesti

di Teresa Barone

scritto il

Come scoprire se il CV di un candidato non riporta informazioni totalmente corrette.

La pratica di abbellire il Curriculum Vitae inserendo informazioni false è più comune di quanto si creda, un comportamento scorretto motivato dal desiderio di essere presi in considerazione per un’opportunità di lavoro e di rendere meno evidenti eventuali lacune formative e professionali.

=> Scopri i falsi miti della selezione

Questa pratica, secondo un’indagine condotta dalla OfficeTeam (società Robert Half), è in netto aumento tanto che il 46% dei lavoratori interpellati ha ammesso di conoscere più di un collega che ha mentito sul proprio CV, una percentuale in deciso aumento rispetto a un analogo sondaggio del 2011.

Ammonta al 50%, inoltre, la percentuale dei dirigenti che ha avuto a che fare con un Curriculum Vitae apparentemente poco veritiero, mentre il 38% ha ammesso di aver escluso un candidato dalla selezione proprio dopo aver scoperto falsità nella sua documentazione.

=> Le peggiori bugie sui CV

Gli esperti di OfficeTeam sottolineano come un CV falso si caratterizzi spesso per alcune peculiarità: spesso le competenze sono descritte sommariamente, ci sono lacune nell’elenco delle posizioni ricoperte e le informazioni riportate dal candidato non corrispondono a quanto emerge da una semplice ricerca sul Web.

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Guida ISEE: compilazione DSU