Tratto dallo speciale:

Pagamenti alle imprese: scontro tra Europa e Italia

di Roberto Rais

scritto il

Braccio di ferro tra Europa e Italia sui tempi dei  debiti della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese. Le posizioni sono nette: la Commissione Europea contesta il fatto che l’Italia stia continuando a violare la direttiva europea che fissa un limite di 30 o 60 giorni per il pagamento delle fatture dello Stato e degli enti locali. Per rispondere compiutamente alle accuse dell’Europa, l’Italia aveva chiesto più giorni: una richiesta rispedita al mittente. Di qui la necessità di fornire comunque delle risposte (alcune delle quali molto critiche) in tempi rapidi e, non a caso, inviate a Bruxelles l’ultimo giorno utile.

=> Ritardo pagamenti: interessi ridotti fino a giugno 2014

Ebbene, nella risposta si intravede un netto cambiamento di approccio nei confronti delle istituzioni. Il governo Renzi ha contestato le indicazioni formulate dalla Commissione, che ha indicato in 170 giorni i tempi medi di pagamento in Italia: un rilievo che “non ha evidenze”, appare scritto nella lettera, aggiungendo altresì che in alcuni settori come quello della Sanità l’Italia sia oramai vicino alle regole europee.

=> Debiti PA, Renzi shock: 60 miliardi in 15 giorni

Ma non solo: l’Italia respinge al mittente le accuse di mancata applicazione degli interessi di mora su chi non effettua i pagamenti nei tempi debiti (il governo ha ricordato a Bruxelles che è la Commissione Europea ad avere l’onere della prova di quanto sostiene), e sulla stima dell’ammontare di debiti ancora in arretrato.
Una stima, quest’ultima, che l’Europa vorrebbe vicina ai 100 miliardi di euro, Banca d’Italia prossima ai 90 miliardi, e che il governo ritiene che sia eccessiva visto e considerata che conterebbe sia le fatture scadute che quelle non scadute, e che è proprio la mole di fatture scadute che impedisce all’Italia di rispettare pienamente i diktat europei…
Insomma, tra Italia ed Europa non si è ancora ai ferri corti, ma poco ci manca.