Studi di Settore: ufficiali le revisioni 2015

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Saranno 70 gli Studi di Settore revisionati e applicabili al periodo d’imposta 2014, dei quali tre avranno un evoluzione anticipata in funzione dell’elevato grado di innovazione tecnologica.

L’aggiornamento degli Studi di Settore è un processo annuale necessario per mantenere, almeno in un periodo di medio termine, la rappresentatività degli stessi rispetto alla realtà economica di un Paese. La legge, nello specifico la legge 146/1998, prevede una “rivisitazione” periodica, con una frequenza che non superi i tre anni dall’entrata in vigore degli Studi di Settore o dall’ultima revisione effettuata.

=> Studi di Settore 2015: le novità

In questo senso rientra l’allegato 1 al provvedimento del 23 febbraio 2015 del direttore dell’Agenzia delle Entrate, con il quale è approvato il “Programma delle revisioni degli Studi di Settore relativo all’annualità 2015”. Per l’anno 2015 sono previsti ben 70 Studi di Settore in evoluzione, tra i quali ci sono tre casi in cui tale evoluzione sarà più rapida e anticipata rispetto agli altri, in virtù dell’elevato grado di innovazione tecnologica insito in quei mercati (VG96U, WG66U e WG74U).

Nuovi Studi di Settore

Nel dettaglio i 70 Studi di Settore sono così suddivisi:

  • 26 relativi al settore dei servizi;
  • 12 a quello delle manifatture;
  • 12 ad attività professionali;
  • 20 al settore del commercio.

Una volta che la commissione di esperti avrà elaborato le nuove versioni, i contribuenti avranno a disposizione i nuovi parametri di valutazione dei redditi e sapranno se sono previsti accorpamenti tra Studi, oppure trasferimenti di uno o più codici di attività da uno Studio ad un altro. (Fonte: Provvedimento Agenzia delle Entrate).