Studi di settore: i correttivi per il regime di cassa

di Barbara Weisz

scritto il

Modifiche ai modelli per la presentazione degli studi di settore 2018 dei contribuenti in contabilità semplificata che applicano il criterio di cassa.

Novità per i contribuenti che hanno applicato il regime di cassa nei correttivi alla modulistica degli studi di settore e parametri 2018. Sono contenute nel provvedimento dell’Agenzia del 3 maggio, rivolte in particolare alle imprese in contabilità semplificata che applicano le novità previste dalla Legge di Stabilità 2017 sul criterio di cassa.

Nel quadro F è stata inserita la nuova sezione “Ulteriori informazioni – imprese in regime di contabilità semplificata”, composta dai righi da F41 a F44, che devono compilare solo i contribuenti in contabilità semplificata. Se hanno applicato l’opzione prevista dall’articolo 18, comma 5, del dpr 600/73 (cassa virtuale) segnalano l’esercizio di questa opzione barrando la relativa casella del rigo F41 e non compilano gli altri righi. I contribuenti che invece applicano il criterio di cassa con le altre metodologie contabili previste, compilano i righi sottostanti (da F42 a F44).

Altre novità riguardano gli aggiornamenti per l’acquisizione di dati utili agli indici sintetici di affidabilità fiscale, destinati dal 2019 a sostituire gli studi di settore: sono stati inseriti nuovi codici attività, per i quali bisogna compilare gli studi di settore solo per l’acquisizione di dati. Inoltre, la nuova sezione del quadro Z (righi da Z901 a Z904), “Ulteriori informazioni imprese in regime di contabilità semplificata”, raccoglie le informazioni necessarie per il passaggio agli indici di affidabilità fiscale.