La ripresa in Italia slitta al 2014: analisi Confcommercio

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La ripresa in Italia non inizierà prima della metà del 2014: l'analisi di Confcommercio sugli ultimi dati ISTAT.

In Italia per la ripresa bisognerà aspettare almeno fino alla metà del 2014: Confcommercio aggiorna le stime sull’uscita dalla crisi economica del nostro Paese.

Le valutazioni di Confcommercio si basano su come sta andando l’economia del Paese in questo momento: la produzione industriale risulta in perdita (ad aprile -0,3% su marzo, -4,6% su base annua e -10% circa rispetto al 2010) tanto da dover rivedere al ribasso le previsioni sul PIL del primo trimestre dell’anno (-0,6% nel I trimestre 2013 rispetto al trimestre precedente e -2,4% in un anno).

=> Leggi di più sulla ripresa in Italia

Alla luce di dell’andamento evidenziato dagli ultimi dati diffusi dall’ISTAT, che rivela una flessione sia della domanda interna che dell’export (-1,9% in termini congiunturali), non è pensabile ipotizzare una ripresa a breve termine. La speranza è che la ripresa arrivi per metà 2014.

«Bisogna, peraltro, riconoscere che la crisi italiana ha intensità e durata tali da non potere essere assimilata alla recessione che colpisce le altre economie avanzate», spiega Confcommercio.

=> Leggi le dichiarazioni di Saccomanni che intravede la ripresa

Perché la ripresa possa realmente prendere il via «sono sempre più urgenti provvedimenti di stimolo all’economia che riducano la spesa pubblica improduttiva, i carichi burocratici sulle imprese, le complicazioni che rendono più difficoltoso l’incontro tra domanda e offerta nel mercato del lavoro».

=> Leggi dell’aumento IVA: probabile rinvio a dicembre

La pressione fiscale sulle imprese potrebbe essere alleggerita e l’innalzamento dell’IVA potrebbe essere evitato utilizzando i 12,5 miliardi di euro derivanti dalla lotta all’evasione fiscale.