Fringe benefit e stock option: scadenze per la Certificazione Unica

di Redazione PMI.it

scritto il

Obbligo di comunicazione all'INPS di fringe benefit e stock option erogati al personale cessato nel 2021, ai fini di conguagli e Certificazione Unica.

Entro il 21 febbraio, i datori di lavoro devono trasmettere all’INPS – in modalità telematica – i dati relativi ai compensi erogati a titolo di fringe benefit e di stock option al personale cessato dal servizio nel corso del 2021 e per i quali l’INPS deve svolgere il ruolo di sostituto d’imposta, ai fini del conguaglio fiscale di fine anno e per l’invio delle Certificazioni Uniche.

=> CU: modelli e novità per le dichiarazioni 2022

I dati inviati in ritardo non saranno oggetto di conguaglio a fine anno ma saranno oggetto di rettifiche nella Certificazione Unica, nelle quali sarà indicato nelle annotazioni l’obbligo per il contribuente di presentare la dichiarazione dei redditi.

L’invio dei dati si effettua con l’applicazioneComunicazione Benefit Aziendali”, disponibile sul sito web dell’INPS seguendo il seguente percorso: “Prestazioni e servizi” >“Servizi” > “Servizi per le aziende e consulenti”. Una volta entrati nella pagina della funzionalità, si potrà scegliere fra le seguenti opzioni:

  • acquisizione di una singola comunicazione;
  • gestione di una singola comunicazione acquisita in precedenza;
  • invio di un file predisposto in base a criteri predefiniti;
  • ricezione tramite download di software per predisporre e controllare il formato dei dati contenuti nei file che le aziende intendono inviare;
  • visualizzazione del manuale di istruzioni.