Speciale Smart Working

Smart Working
Smart Working

Regole, scadenze e modelli di adozione del Lavoro Agile, ricorrendo a soluzioni e dispositivi da remoto nel rispetto della normativa Privacy e degli accordi di Smart Working: come concedere flessibilità ai dipendenti e aumentare la produttività sul lavoro garantendo la sicurezza di dati e reti aziendali e la compatibilità fra sistemi, terminali e app.

Ultime notizie

Smart working: cosa è e come funziona

Lo smart working (o lavoro agile) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato ad una serie precisa di diritti e doveri. Si caratterizza per la maggiore flessibilità di orario, nella possibilità di svolgere l’attività da remoto, nell’organizzazione dei task per obiettivi.

Definizione di Smart Working

La normativa di riferimento e la definizione del lavoro agile – modalità di lavoro dipendente senza vincoli di orario e di luogo di lavoro, con prestazione lavorativa svolta in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, con il possibile utilizzo di strumenti tecnologici per lo svolgimento dell’attività lavorativa – sono inseriti nel Jobs Act autonomi (legge n. 81/2017).

Smart Working nel post-Covid

Il 7 dicembre 2021 il Ministero del Lavoro ha siglato l’intesa con le Parti sociali sul primo “Protocollo Nazionale sul lavoro in modalità agile” nel settore privato. Il Lavoro Agile, sperimentato in maniera massiva durante la pandemia da Coronavirus, è rimasto parte integrante dei modelli lavorativi di imprese pubbliche e private, meritando una serie di adeguamento normativi.

Diritti dei lavoratori agili

I punti di forza del lavoro agile sono la flessibilità organizzativa e la possibilità di una migliore conciliazione  con la vita privata, soprattutto in era post-Covid. Ai lavoratori agili viene garantita:

  • parità di trattamento economico e normativo rispetto ai colleghi che eseguono la prestazione in sede;
  • tutela contro infortuni e malattie professionali, secondo le modalità illustrate dall’INAIL nella Circolare n. 48/2017.

Accordo di Smart Working

Applicabile anche nel settore pubblico (ma con differente disciplina per quanto attiene alcuni aspetti della prestazione lavorativa), lo Smart Working si attiva stipulando un accordo individuale tra dipendente e datore di lavoro.

Come contiene un accordo di Smart Working

  •  Durata e indicazione del contratto a tempo indeterminato o determinato;
  •  preavviso: il recesso è possibile con preavviso di 30 giorni (90 per disabili) da accordi a tempo indeterminato o giustificato motivo;
  •  esecuzione prestazione lavorativa definizione della sede di lavoro agile e degli strumenti tecnologici utilizzati, con rispetto del diritto alla disconnessione per il lavoratore;
  •  controllo prestazione lavorativa in ottemperanza all’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori.

Come si attiva un accordo di Smart Working

A partire dal 15 novembre 2017, le aziende che sottoscrivono accordi individuali di smart working possono inviarli attraverso l’apposita piattaforma telematica dal portale dei servizi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Nell’invio dell’accordo individuale dovranno essere indicati:

  • i dati del datore di lavoro,
  • del lavoratore,
  • della tipologia di lavoro agile (tempo determinato o indeterminato)
  • della sua durata.

Le aziende che sottoscrivono un numero di accordi individuali elevato possono effettuare la comunicazione in forma massiva.

Fino al 30 giugno 2022 le comunicazioni di smart working nel settore privato si trasmettono esclusivamente con procedura semplificata senza allegare alcun accordo con il lavoratore ed utilizzando esclusivamente la modulistica (fac-simile di accordo) e l’applicativo informatico resi disponibili dal Ministero del Lavoro.

Tutti gli articoli