Tratto dallo speciale:

Riforma politiche attive del Lavoro: ecco il Piano Orlando

di Redazione PMI.it

scritto il

Riforma politiche attive del Lavoro: illustrato alle parti sociali il Piano da 5 miliardi, per l'occupazione e la formazione di 3 milioni di persone.

Il Piano Lavoro definito dal Ministro Andea Orlando per la riforma delle politiche attive (prevista dal Recovery Plan, nella Missione 5 del PNRR), illustrata dal Ministro Andrea Orlando alle parti sociali, prevede il coinvolgimento di almeno 3 milioni di persone entro il 2025, e si attuerà principalmente tramite il programma GOL (Garanzia di occupabilità dei lavoratori) – previsto dalla Legge di Bilancio 2021 ma mai entrato in vigore, ora pienamente finanziato – per coprire i periodi di disoccupazione in NASPI e Dis-Coll o CIGS e a cui sono destinati 4,9 miliardi di euro (di cui 4,4 miliardi vengono dalle risorse del PNRR e 500 milin dal Fondo React-Eu).

Per ciascuno è previsto un percorso su misura, con interventi di accompagnamento al ricollocamento sul mercato oppure alla formazione. Previsti anche interventi di gruppo per le crisi aziendali. Almeno il 75% della popolazione target individuata sarà costituito da donne, disoccupati di lunga durata, persone con disabilità, giovani under 30 e lavoratori over 55, con percorsi ad hoc per esigenze di inserimento sociale o conciliazione lavoro famiglia.

=> Garanzia Occupabilità Lavoratori: verso il decreto

Al programma GOL (rivolto dunque ai beneficiari di un ammortizzatore sociale, del Reddito di Cittadinanza, ai Neet, alle fasce svantaggiate e deboli) si affiancano il Piano nazionale per le nuove competenze (PNC) per la riqualificazione professionale della forza lavoro già attiva nelle imprese (up-skilling) ed il Piano straordinario di rafforzamento dei Centri per l’Impiego – finanziato con 600 milioni di euro, di cui 400 milioni già disponibili e 200 aggiuntivi, oltre ad ulteriori 470 milioni sul bilancio dello Stato) – per la riqualificazione (re-skilling) di chi è in cerca di impiego e del sistema duale (finanziato con altri 600 milioni), in un ampio quadro di interventi programmatici di riforma degli ammortizzatori, già condivisi con le parti sociali lo scorso agosto.

=> Ammortizzatori Sociali: ecco lo schema di Riforma

La formazione è dunque la protagonista assoluta del Piano Orlando. Anche nell’ambito del programma GOL, almeno 800mila soggetti rientranti nella platea dei beneficiari saranno coinvolti in attività di formazione, di cui 300mila (il 40%) per rafforzare le competenze digitali. L’attuazione del programma rispecchia i tempi del PNRR, ossia il quinquennio 2021-25, articolati in tappe e obiettivi:

  • Milestone 1: entro il 2021 adozione dei decreti interministeriali per l’approvazione di GOL e PNC.
  • Milestone 2: entro il 2022 adozione di Piani regionali per l’attuazione di GOL ed esecuzione di almeno il 10% delle attività previste.