Gli aiuti per famiglie e caregiver in Legge di Bilancio

di Redazione PMI.it

scritto il

Pochi ma buoni, anche se non troppo corposi: sussidi, sgravi, incentivi e fondi per famiglie, caregiver, giovani e indigenti nella Legge di Bilancio 2021.

Sussidi al reddito e bonus per caregiver e per famiglie con figli, riduzione delle tasse sul lavoro in busta paga, incentivi per sostenere i consumi, fondi per gli indigenti e per i giovani, strumenti agevolati per la pensione anticipata: nella Legge di Bilancio 2021 il Governo cerca di aiutare gli italiani alle prese con la crisi e le incertezze economiche legate alla pandemia da Coronavirus e al protrarsi dell’emergenza Covid.

Sono misure in ordine sparso, per certi versi quasi aiuti a pioggia ma di piccola e media portata, una sorta di “si fa quel che si può” in attesa di tempi migliori, di una programmazione stabile e lungimirante per l’utilizzo delle risorse europee destinate al Recovery Plan italiano.

Ma pur sempre un aiuto per molte famiglie, che al pari delle imprese hanno vissuto un 2020 da dimenticare e che dalla Manovra si attendono ora una mano per arrivare al prossimo step di questa infinita e inaspettata crisi.

Vediamo di seguito una rapida sintesi delle novità (o conferme) più interessanti in questo senso.

Lavoro

La stabilizzazione del taglio del cuneo fiscale per i redditi sopra i 28.000 euro e fino a 40.000 riduce in maniera stabile le tasse sul lavoro in busta paga, una novità introdotta lo scorso anno e che adesso diventa strutturale con un bacino più ampio di beneficiari. Inglobando in precedente Bonus Renzi, si arriva a circa 100 euro netti in più a fine mese (dai precedenti 80 euro), direttamente assieme allo stipendio.

Per uscire prima dal mercato del lavoro, considerata l’età e la difficoltà dei contesti d’impresa, ricordiamo l’annunciata estensione per un altro anno delle due formule APe Social e Opzione Donna.

Famiglie

L’avvio della Riforma fiscale ha come prima conseguenza la partenza dell’atteso assegno unico universale per famiglie con figli, inclusi autonomi e incapienti, a partire da luglio 2021. Ma non cantiamo vittoria troppo presto perché la misura è destinata ad assorbire molte attuali misure, tra detrazioni IRPEF, bonus nido e bebè.

C’è tuttavia da dire che il Governo ha mantenuto la parola e ha confermato, almeno per quest’anno, anche l’assegno di natalità. Per i lavoratori che diventano padri viene portata a 10 giorni la durata del congedo obbligatorio di paternità.

Sussidi al reddito

Per sostenere le fasce più deboli della popolazione, trovano posto in Manovra 2021 una serie di misure di sostegno economico. A partire dal Reddito di cittadinanza rifinanziato fino al 2029. Nuove risorse anche per il Fondo indigenti, destinato alla distribuzione di derrate alimentari alle famiglie più bisognose. Previsto anche il Fondo non autosufficienze (100 milioni di euro l’anno).

Giovani

La Manovra estende la cosiddetta No-Tax Area (soglia di reddito sotto la quale non si pagano le tasse) per studenti fino a 20.000 euro di ISEE. Previsti anche fondi per offrire un contributo al pagamento del canone di affitto di universitari, sempre con ISEE sotto i 20.000 euro. Da segnalare anche i 200 milioni di euro per il 2021 destinati al Servizio civile per i giovani.

Caregiver

Dopo infinite attese, la Manovra 2021 saluta il debutto di un fondo apposito destinato alla figura del Caregiver familiare, ma non facciamoci troppe illusioni: le risorse sono davvero risicate. Con una dotazione di 30 milioni di euro all’anno per il triennio 2021-23, viene istituito un fondo per il riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale svolta dai caregiver familiari, con una sorta retribuzione del lavoro domestico inquadrato però in un sistema di agevolazioni fiscali: in pratica, sarà possibile la deduzione integrale delle spese sostenute per il lavoro di cura.

Sostegno ai consumi

Infine, i consueti incentivi e contributi per dare slancio all’economia supportando le famiglie che affrontano spese extra. In primis con il rinnovo dei diversi bonus legati alle ristrutturazioni edilizie (riqualificazione energetica, recupero patrimonio edilizio, acquisto mobili ed elettrodomestici a basso consumo, sistemazione giardini), con alcuni potenziamenti (Bonus Mobili fino a 16mila euro) e proroghe speciali (Superbonus al 110% fino a giugno 2022).

Prorogato a giugno 2021 anche il Bonus vacanze. Forse quest’anno trainato da un utilizzo più diffuso della app IO (tutto merito del Cashback).

Per maggiori approfondimenti, vi riportiamo il link diretto alla Legge di Bilancio 2021 (testo completo) pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

I Video di PMI