Speciale Reddito di Cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza è il sussidio mensile per i meno abbienti: istituito per la prima volta nel 2019, è stato pensato per chi non supera determinate soglie di reddito. Prevedendo in parallelo un percorso di ricollocamento per tutta la famiglia.

Il Reddito di Cittadinanza è stato uno dei cavalli di battaglia del Governo 5 Stelle Lega, incluso nel Contratto di Governo e inserito nella Legge di Bilancio.

Segui PMI.it per sapere tutte le novità e gli approfondimenti sul Reddito di Cittadinanza.

Ultime notizie

Reddito di Cittadinanza: a chi spetta

Il sussidio è destinato a tutte le persone che abbiano redditi (da lavoro o pensione) troppo bassi e quindi al di sotto della soglia di povertà stabilita dall’ISTAT.

L’importo standard 780 euro a persona, ma chi ha una casa di proprietà non ha diritto all’intero importo ma a questa viene detratta una quota definita “affitto imputato”, che ammonta a 380 euro.

Tra i requisiti viene richiesto di essere residenti in Italia da almeno 10 anni.

RdC: il patto per il lavoro

Per chi è abilitato al lavoro, l’erogazione del sussidio è legato ad un impegno attivo ad accettare offerte congrue proposte dai Centri per l’Impiego, dopo un percorso di riqualificazione (se necessario).

Se si rifiuta per tre volte il lavoro offerto si perde il diritto al sussidio.

Esistono delle situazioni in cui i beneficiari di Reddito di Cittadinanza sono esonerati dagli obblighi connessi alla sua fruizione, ovvero dagli obblighi di partecipazione a un percorso di inserimento lavorativo ai sensi dell’art. 4 del DL n. 4/2019. È ad esempio il caso degli stati di gravidanza, malattia e nell’ipotesi di svolgimento di tirocini da parte dei componenti del nucleo familiare.

Reddito di Cittadinanza: quanto dura

Fruibile per 18 mensilità rinnovabili se sussistono i requisiti, partirà ad aprile (richieste da marzo). Il sussidio, erogato tramite tessera elettronica, integra il reddito familiare e consente di coprire spese primarie, prevedendo bonus in casi particolari.

Come si usa la card RdC

L’importo viene erogato su una card attraverso la quale si può pagare, solo per via elettronica, esclusivamente beni di prima necessità, capi di abbigliamento o affitti immobiliari. L’importo è spendibile solo in Italia e non all’estero.

La card si può usare attraverso:

  • bancomat;
  • tesserino sanitario;
  • apposita applicazione per smartphone.

Non è possibile:

  • prelevare l’importo in contanti da uno sportello bancario;
  • acquistare beni superflui come prodotti elettronici.
Part-time

RdC: incentivi per assunzioni full-time

Esonero contributivo per chi assume titolari di reddito di cittadinanza: contratto tempo pieno, trasformato solo su richiesta del lavoratore per motivi di salute o congedo parentale.

Tutti gli articoli