La morte Steve Jobs diventa una truffa su Facebook

di Giuseppe Cutrone

scritto il

I criminali informatici, com’è ormai tristemente noto, non si fermano davanti a nulla, nemmeno davanti al dolore della morte: è stato così in passato in occasione della scomparsa di persone illustri ed è così anche oggi, davanti alla morte di Steve Jobs, fondatore e CEO di Apple.

A distanza di pochissime ore dall’annuncio della morte, infatti, è stato diffuso su Facebook un messaggio in cui annunciando la scomparsa si spiegava che sarebbero stati regalati 50 iPad, invitando gli utenti a cliccare sul link collegato che, nemmeno a dirlo, portava a siti che nulla avevano in comune con l’improbabile offerta.

Secondo quanto spiegato dagli esperti, pare che oltre 15.500 iscritti sul social network abbiano abboccato al tranello, andando così a navigare su siti che presentano casinò online, sondaggi o altre offerte commerciali peraltro pertinenti al luogo geografico da cui l’utente accede, come succede sempre più spesso per diversi banner pubblicitari assai comuni su Internet.

Lo scopo della criticabile iniziativa è quindi proprio quello di generare volumi di traffico elevato per ricavare chiaramente un guadagno da esso. Intanto, comunque, grazie alle prime segnalazioni il link contenuto nel messaggio fraudolento è stato rimosso, chiudendo così questa deprecabile vicenda.