Tratto dallo speciale:

La consapevolezza digitale non basta

di Chiara Basciano

scritto il

IDC rivela il sentiment dei manager nei confronti della trasformazione digitale.

Altalenante l’atteggiamento dei manager nei confronti della trasformazione digitale, tra timori e necessità. La fotografia scattata da IDC mostra un certo grado di consapevolezza da parte dei manager alla guida di aziende che hanno messo in atto i processi di trasformazione digitale.

Da quanto emerso, il 60% dei manager intervistati pensa di dover cambiare in modo sperimentale e in scenari incerti, il 46% che la propria azienda potrà essere competitiva con nuovi attori sul mercato entro tre anni e il 36% ritiene necessario definire metriche per valutare il business digitale.

La consapevolezza non va però di pari passo con strategie adeguate, si tratta prevalentemente di aggiustamenti e di interventi mirati è ben il 48% del campione a puntare su un impatto limitato sul modello di business.

Spesso la trasformazione è più sul prodotto finale che sulla strategia complessiva. Il 60% del campione la addita come l’ambito prioritario e solo il 26% punta al cambiamento del modello aziendale e organizzativo.

Un argomento di difficile soluzione è il budget da destinare alla trasformazione digitale, se il 63% ritiene di non riuscire a passare in temi brevi dalla prototipazione all’innovazione estesa, il 47% si sente già soddisfatto delle architetture digitali presenti in aziende e solo il 37% prevede di incrementarne il budget.

Il problema più grosso riguarda il rapporto con i clienti, che si aspettano ormai un certo livello di digitalizzazione senza però trovarlo. Un sistema complesso quindi che presuppone un impegni quotidiano e riguarda diversi attori aziendali.