Uffici open space, cresce la condivisione ma anche lo stress

di Redazione PMI.it

scritto il

Per la maggioranza dei manager e dei dirigenti gli uffici open space favoriscono produttività e innovazione, ma attenzione allo stress.

Potenziare le relazioni tra colleghi di lavoro, avvicinare i dipendenti ai propri capiufficio, favorire il team building e la condivisione di competenze e conoscenze: questi i numerosi vantaggi offerti dagli ambienti di lavoro open space, dove non esistono barriere e anche la produttività dovrebbe trarne giovamento.

=> Leggi perché gli uffici open space riducono la produttività

Numerosi studi, tuttavia, evidenziano alcune conseguenze poco piacevoli del lavoro svolto all’interno di ambienti open space, evidenziando soprattutto un notevole aumento dello stress ai danni della salute e della produttività degli impiegati.

=> Scopri quali sono le principali cause di stress in azienda

Se è vero che la mancanza quasi totale di privacy è una scelta intenzionale dei vertici aziendali, mirata a favorire gli scambi e le conversazioni tra i dipendenti e, di conseguenza, la nascita di nuove idee, è anche vero che la comunicazione negli uffici “senza barriere” è spesso solo superficiale e di breve durata.

Dirigenti e manager sono convinti che questo tipo di ambienti consenta loro di esercitare un maggiore controllo sui lavoratori, tuttavia è necessario fare i conti anche con le conseguenze sul livello di attenzione dell’inevitabile inquinamento acustico.

=> Scopri come incentivare il team di lavoro

Una teoria portata avanti da uno studio pubblicato sul Journal of Applied Psychology sottolinea, infatti, i danni provocati dalle discussioni tra colleghi, dal continuo squillare dei telefoni e dal rumore prodotto dalle stampanti e dai dispositivi tecnologici, tutti elementi che fanno perdere la concentrazione limitando la produttività.