Le decisioni migliori? Niente consenso unanime

di Redazione PMI.it

scritto il

Tenere conto del parere della maggioranza e non del consenso unanime favorisce il processo decisionale.

Il processo decisionale procede senza intoppi e garantisce la scelta giusta se non si cerca di ottenere il consenso di tutti. Lo afferma una ricerca statunitense che sembra sfatare un mito molto radicato e inerente la continua ricerca del consenso come base per il successo, anche aziendale.

=> Scopri la tecnica della bussola per prendere le decisioni

Le decisioni migliori e maggiormente efficaci, secondo lo studio, non devono presupporre il 100% dei pareri favorevoli ma limitarsi a ottenere il favore della maggioranza degli interpellati.

Quali sono i passaggi più importanti di un processo decisionale di successo?

=> Leggi come funziona il cervello del manager

Il primo step è la discussione aperta del tema in oggetto, con la creazione di un tavolo di confronto che faccia emergere il parere di tutti senza avere timore di affrontare criticità e conflitti tra i partecipanti.

In questo modo si dà vita a un dibattito produttivo e libero che necessita, tuttavia, di una scadenza precisa: per generare decisioni migliori è bene evitare di protrarre la riunione all’infinito, meglio programmare in anticipo un momento di conclusione invitando tutti a manifestare il proprio pensiero.

=> Leggi perché le donne prendono le decisioni migliori

La decisione finale che tiene conto del parere della maggioranza e non di tutti si rivela maggiormente vantaggiosa per il business: una volta presa, tuttavia, deve essere accettata anche da coloro che inizialmente si sono mostrati contrari.