Ossessione e-mail

di Chiara Basciano

scritto il

Saper gestire la propria posta elettronica vuol dire essere più produttivi.

Gestire il tempo in modo da essere produttivi senza stress richiede una bella dose di organizzazione ma è difficile stabilire delle regole generali. Prendere spunto da chi nella vita ha successo può però aiutare.

=> Scopri la e-mail perfetta

Claire Diaz-Ortiz, presente nella classifica 100 Most Creative People in Business di Fast Company consiglia, per esempio, di non leggere e rispondere alle e-mail come prima cosa della giornata. Nonostante sia proprio quello che fa la maggior parte della gente la Diaz-Ortiz parte dal presupposto che è meglio rispondere alle e-mail in una volta sola e a fine giornata, quando sia ha meno energia. Infatti rispetto agli altri compiti curare la posta elettronica richiede meno concentrazione ed energia.

=> Leggi l’e-mail del manager

Smistare le risposte nell’arco della giornata invece rischia di frammentare il lavoro, considerato che il mono tasking è preferibile anche per chi ha propensione per il multi tasking. Naturalmente però non possono essere catalogate tutte le mail sotto la stessa categoria, infatti ci sono e mail da considerare urgenti, quelle a cui rispondere una volta a settimana ed e mail a cui si può anche non rispondere. Nel caso di e-mail urgenti si può scegliere di dedicare del tempo alle risposte in tarda mattinata, approfittando per controllare tutta la posta e fare pulizia. Un’altra occhiata sarà concessa a fine giornata ma niente di più.

=> Vai all’e-mail etiquette

Il consiglio infatti è di non diventare ossessivi. A causa degli smartphone si tende ad essere sempre connessi, ma bisogna partire dal presupposto che per le cose davvero urgenti la comunicazione deve essere telefonica.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari