La sicurezza prima di tutto

di Chiara Basciano

scritto il

Con la digitalizzazione crescono gli investimenti ma anche la cyber criminalità.

Si parla tanto dell’importanza di un mondo connesso, con dispositivi di ogni tipo pronti a migliorare il quotidiano e come possibile fonte di investimento di grande interesse. Ma il mondo di Internet of Things scatena una grossa problematica riguardante la sicurezza.

=> Leggi formazione e sicurezza

Più si è connessi più si è vulnerabili. Secondo l’indagine condotta da Yarix entro il 2016 arriveranno a 6,4 miliardi i dispositivi connessi, con un incremento del 30%. Mirko Gatto, amministratore delegato di Yarix, delinea lo scenario futuro «Nel 2016 ci aspettiamo di vedere un ulteriore sviluppo di exploit e malware che colpiscono protocolli di comunicazione tra questi dispositivi. Gli attacchi cresceranno in quantità e complessità e l’IoT sarà il terreno fertile nel quale le vulnerabilità dei dispositivi consumer collegati verranno sfruttate per ottenere un punto d’appoggio all’interno delle reti aziendali e di hardware a cui si connettono».

=> Vai ai costi della sicurezza

Per questo occorre fin da subito puntare alla sicurezza, implementando i dispositivi capaci di neutralizzare i cybercriminali. Avere una figura di riferimento in questi casi diventa fondamentale, in modo da fronteggiare le possibili crisi in modo efficace ma anche e soprattutto per prevenire potenziali attacchi.

=> Scopri i cybercriminali

Tra gli attacchi individuati da Yarix vi sono quelli di minor impatto, come la messa fuori uso di un access point aziendale, a quelli riguardanti l’immagine del brand e la reputazione on line, fino ad arrivare a conseguenze di portata maggiore, come eventuali attacchi mirati a sistemi di controllo industriale.

I Video di PMI