E-commerce a rischio

di Chiara Basciano

scritto il

Siti contraffatti: un danno sia per le aziende che per gli acquirenti.

Il periodo natalizio è il momento più importante per gli acquisti on line. E se da un lato fioccano gli acquisti dall’altro si moltiplicano le truffe. I cyber criminali sono sempre in agguato e rischiano di minare la fiducia degli acquirenti.

=> Scopri 4 strumenti per l’e-commerce

Secondo il report di Mark Monitor è in questo periodo che il 34% degli abituali consumatori virtuali aumenta del 15% ma ben il 24% di questi dichiara di aver acquistato erroneamente un prodotto contraffatto. Per chi avesse dubbi sull’onestà del cliente c’è da sottolineare che il 70% dichiara che non vorrebbe acquistare prodotti fake per tre ragioni principali: la moralità, la preferenza per i marchi originali e la fedeltà al brand.

=> Leggi chi è l’e-commerce manager

Mark Frost, CEO di MarkMonitor afferma «Dal momento che siamo vicini al Natale, è importante che i consumatori stiano in guardia quando sono a caccia di affari online. Con la tendenza in crescita degli acquisti in internet, per i consumatori cresce anche una minaccia: il rischio di essere esposti a siti che vendono prodotti falsi o di acquistare inconsapevolmente prodotti contraffatti mentre sono in cerca di affari. Con il livello di sofisticazione che i falsari usano sui loro siti, sta diventando sempre più difficile per i consumatori stabilire se i prodotti sono autentici».

=> Vai a e-commerce e business

Un altro problema che emerge è quello della sicurezza, prioritaria per il 64% dei consumatori. Da un lato è importante che i clienti siano informati il più possibile circa i rischi della navigazione ma dall’altro sta alle aziende tutelare il marchio e attuare un controllo massiccio e costante di possibili siti fake.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari