Outsourcing perfetto

di Chiara Basciano

scritto il

Sei passi per scegliere le risorse esterne migliori.

Gestire al meglio le risorse esterne all’azienda diventa essenziale per il business. Considerare l’outsourcing parte integrante della vita aziendale infatti è importante per dare una visione unitaria e per non incappare in errori dannosi.

=> Scopri l’outsourcing efficace

Se infatti si tratta di risorse esterne verranno sempre considerate parte integrante dell’azienda agli occhi di clienti ed eventuali partner. Per questo bisogna sempre sapere con chi si stanno stipulando gli accordi. I consigli forniti da Linda Gilli, presidente e AD di Inaz, in questo senso diventano illuminanti.

=> Vai ai vantaggi dell’outsourcing

Come prima cosa bisogna essere certi della sicurezza dei dati, pretendere quindi una gestione perfetta anche da parte dell’outsourcing. Proprio per questo è importante che il fornitore custodisca i dati in luoghi fisici facilmente raggiungibili per eventuali verifiche. Terzo punto è poter avere sempre accesso ai dati, mettendo in evidenza che essi appartengono all’azienda e sono affidati all’outsourcing solo momentaneamente.

=> Leggi perché scegliere l’outsourcing

Chiarito tutto ciò Linda Gilli consiglia di privilegiare i servizi su misura, pensati per la nostra azienda e capaci di soddisfare quindi ogni nostra richiesta. I servizi stessi però devono essere in continua evoluzione ed adattarsi al cambiamento delle esigenze. Ultimo consiglio è scegliere sempre fornitori in grado di garantirci un contatto costante e dedicato «Il rapporto di fiducia è fondamentale quando affidate a un esterno i vostri dati e i processi che regolano l’organizzazione delle persone in azienda» spiega la Gilli.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti