Da capo a leader

di Teresa Barone

scritto il

Ricoprire il ruolo di capo non significa automaticamente essere un leader capace: ecco come diventarlo.

I termini “capo” e “leader” non sono intercambiabili come generalmente si pensa. Se per il primo la gestione dei dipendenti rappresenta esclusivamente un dovere e un impegno quotidiano, per il secondo lavorare insieme ai membri del suo team per raggiungere uno stesso obiettivo è a tutti gli effetti un piacere.

=> Leggi le differenze tra boss e leader

Trasformarsi in leader, tuttavia, è possibile anche per chi occupa un ruolo di responsabilità e ancora non mostra entusiasmo. Ecco alcuni consigli.

Guidare senza esercitare controllo

Essere un leader significa favorire l’autonomia e delegare, aiutando i collaboratori a svolgere le loro mansioni nel miglior modo possibile senza tuttavia opprimere e impedire ogni iniziativa, limitando le opportunità di crescita.

Essere flessibili

Se un capo tende a essere molto rigido nell’impartire direttive, i leader comprendono quanto sia importante adattare il loro stile di lavoro personale alle esigenze dei singoli membri del gruppo.

Motivare

Motivare al meglio significa identificare i punti di forza di ciascuna risorsa e fare in modo che da queste qualità nasca autostima e desiderio di migliorarsi, lavorando al meglio. Fare in modo che i dipendenti siano efficienti facendo leva sul loro timore di perdere il lavoro, invece, non sortisce il medesimo effetto.