Welfare innovativo: non solo buoni pasto

di Redazione PMI.it

scritto il

Sempre più aziende introducono nuovi modelli di welfare a favore dei dipendenti, come i voucher per pagare bollette, farmaci e libri scolastici.

Il welfare in azienda si rinnova, ampliandosi grazia all’introduzione di nuovi servizi destinati ai dipendenti e mirati a soddisfare alcune delle necessità primarie anche nell’ottica di conciliare vita lavorativa e famiglia.

=> Scopri chi è il welfare manager

Nel 2011 il numero di aziende che hanno deciso di aderire al nuovo modello di “welfare innovativo“, promuovendo nuovi servizi a favore dei lavoratori, è cresciuto rispetto agli anni precedenti. Ad affermarlo è un libro dal titolo “Welfare: dalla crisi alle opportunità. Sussidiarietà, organizzazione e nuovi servizi“, promosso da Edenred (leader nella distribuzione di buoni servizio per le imprese) e dall’Agenzia di Ricerche e Legislazione (AREL).

Via libera, quindi, alla concessione di servizi di welfare personalizzati in base alle esigenze reali dei dipendenti, con l’erogazione di voucher utilizzabili per pagare le bollette, i farmaci, i libri scolastici dei figli. Tutte iniziative mirate a potenziare il benessere dei lavoratori e, di conseguenza, garantire la crescita della produttività in azienda.

=> Leggi il modello di welfare promosso da Nestlè

I “bonus” destinati ai dipendenti sono quindi scelti valutando le esigenze legate alla vita quotidiana di ognuno di essi, e non mancano i casi di aziende che hanno promosso altre forme di sostegno concedendo  maggiore flessibilità di orario, possibilità di alternare il lavoro in sede con il telelavoro, arrivando perfino a introdurre il cosiddetto “job sharing“.

A chiarire un punto fondamentale in materia di welfare innovativo è tuttavia Graziella Gavezzoni, presidente di Edenred Italia:

=> Leggi che ruolo ha il nuovo Happy manager

«Il welfare secondario, quello innovativo, deve essere integrativo e non sostitutivo del welfare pubblico. Integrativo perché non c’è necessità di sostituirsi al pubblico per tutto quanto, piuttosto per mettere in campo soluzioni partecipate e frutto di collaborazioni tra i soggetti coinvolti che vedano benefici sia di tipo organizzativo, minore burocrazia e maggior efficienza e rapidità di fruizione, e soprattutto minor costo.»