BlackBerry e i licenziamenti dei manager

di Chiara Basciano

scritto il

Dopo i risultati dell?ultima trimestrale tira una brutta aria nella compagnia canadese.

I risultati della trimestrale sono stati peggiori delle aspettative, tanto che continuano le defezioni o i licenziamenti in casa BlackBerry, dopo quello del Vice Presidente delle vendite negli Stati Uniti, Richard Piasentin, e dopo la riorganizzazione che all’interno di una riduzione della forza lavoro globale ha lasciato a casa qualcosa come 5000 dipendenti.

Eppure, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, anche T. A. McCann, Vice Presidente dei social network e CEO di Gist, acquisita da BlackBerry nel 2011, ha lasciato la compagnia. Questi era responsabile delle applicazioni di Facebook, Twitter e LinkedIn per BlackBerry 10 ed aveva anche la responsabilità di BlackBerry Messenger. Con lui Marc Gingras, proveniente da Tungle.me, che era stato responsabile funzione calendario e contatti del BlackBerry 10 nonché del BlackBerry Hub.

=> Scopri la strategia del CEO Heins per salvare il marchio

E dalle voci che circolano sembra che altri manager siano pronti a seguire le sorti dei sovraindicati. Il Chief Executive Officer Thorsten Heins non ha infatti a disposizione molto tempo per raggiungere gli obiettivi che si era preposto, e a quanto sussurrano da Bloomberg i target imposti a questo punto lasciano parecchi manager in equilibrio su una fune, senza rete di salvataggio, col rischio di assistere ad altri allontanamenti.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari