Dipendenti furiosi? Meglio lasciarli sfogare

di Teresa Barone

scritto il

Come comportarsi davanti allo sfogo di dipendente furioso? Ecco l?atteggiamento più corretto che un manager dovrebbe tenere.

Se le liti in ufficio riducono la produttività, è anche vero che compito del manager è aiutare i membri della propria squadra a liberarsi dell’astio e della rabbia cercando di far emergere le problematiche di base, e aiutandoli a risolverle.

=> Scopri le doti che un capo eccellente deve possedere

Impedire qualsiasi sfogo da parte di un dipendente furioso non è la strategia giusta, così come ascoltarlo in silenzio senza intervenire. Consentire a un collaboratore di manifestare il suo disappunto non significa, tuttavia, tollerare minacce nei propri confronti o rivolte ai colleghi, ma utilizzando la strategia giusta è possibile aiutarlo a ritrovare la calma e a limitare qualsiasi forma di stress.

Come fare?  Per prima cosa evitare di discutere con un dipendente in preda alla rabbia, invitandolo a illustrare il problema e manifestare le sue ragioni, anche se se si è certi che la sua reazione sia esagerata o che nasca da un comportamento errato a priori.

Anche di fronte alle situazioni più delicate, infatti, il manager dovrebbe manifestare empatia e comprensione, ponendo tuttavia alcune domande e richieste di precisazioni solo al termine dello sfogo verbale.  

=> Scopri gli errori comuni nella gestione dei dipendenti

Meglio raccogliere tutte le informazioni e la versione dei fatti illustrata dal dipendente assicurandosi di chiedere conferma a un eventuale testimone solo in un secondo momento, al fine di risolvere il problema senza creare ulteriori conflitti.