Mediare per lavorare bene

di Chiara Basciano

scritto il

Un buon ambiente di lavoro passa per la mediazione, ma esiste la giusta formazione?

Saper gestire i conflitti sul lavoro è di grande importanza per i leader, però non sempre il proprio carattere e la formazione aiutano in questa direzione.

=> Scopri come creare un ambiente entusiasmante

Formalizzare la mediazione, tramite corsi di formazione dedicati ai manager, sarebbe opportuno per creare un ambiente di lavoro sano. Molti lamentano la mancanza di un percorso formativo del genere, e infatti da questa lacuna nasce il libro “La formazione del mediatore” della psicologa Maria Martello.

=> Vai all’ambiente di lavoro perfetto

Nella presentazione del libro si legge: “La mediazione conduce ad accordi tendenti a soddisfare appieno i bisogni delle parti. Ma alcune mediazioni riescono, ed altre no: dipende da un quid ‘misterioso’ sul quale il mediatore fa leva, a volte con competenza, altre meno. Quel quid è il fattore umano, centrale nel conflitto, che va oltre gli interessi, tocca i bisogni apparenti e soddisfa quelli reali, esistenziali, profondi. Il mediatore che ne ha consapevolezza può portare le parti a prenderne atto, ad elaborare le ragioni del contrasto sino a superarlo, eliminando alla radice i motivi del conflitto. Questi è il mediatore che ha una buona formazione filosofico-umanistica. La formazione comporta un radicale mutamento di mentalità rispetto a specifici metodi e contenuti, onde consentire al mediatore professionale in ambito civile, familiare, penale, sociale, scolastico, aziendale gli ampliamenti d’orizzonte necessari per comprendere le complesse relazioni fra i fatti e le persone”.

=> Leggi aziende e mediazione

Per questo un buon manager non dovrebbe tralasciare questo tipo di percorso, soprattutto se non si è dotati di un carattere accomodante.