Le migliori aziende in cui lavorare

di Chiara Basciano

scritto il

Torna l'annuale classifica dedicata alle aziende che guardano ai dipendenti

Tornano i nomi delle migliori aziende in cui lavorare secondo la classifica annuale Top Employers. Cresce ancora una volta il numero della aziende premiate con i certificato Top employers, e dalle 45 dell’anno scorso si è passati alle 51 di quest’anno, dimostrando come ci sia sempre più attenzione nei confronti dei lavoratori.

=> Vai alla classifica 2013

Inoltre sono ben sedici le aziende ad aver ricevuto la Certificazione Top Employers Europe, riconosciuta alle aziende che raggiungono la Certificazione Top Employers 2014 in almeno 5 Paesi europei. I criteri di selezione analizzano per ogni singola azienda le politiche retributive, le condizioni di lavoro e i benefit, la formazione e lo sviluppo, le opportunità di carriera e la cultura aziendale, secondo passaggi standard, vale a dire: questionario HR Best Practice Survey, analisi dei risultati e della documentazione, validazione interna e audit esterna.

=> Scopri la classifica di Fortune

Ed ecco la lista delle aziende certificate come le migliori, tra nomi che ricorrono e new entry: ABB Italia, Abbott, Accenture, Adidas, Automobili Lamborghini, Autostrade per l’Italia, Avanade, Birra Peroni, BNL Gruppo BNP Paribas, British American Tobacco Italia, Capgemini Italia, Cariparma, Chiesi Farmaceutici, Comatrol, Costa Crociere, Datalogic , Dedagroup ICT Network, DHL Express Italy, Elica, Enel, EY, Finmeccanica, Fondazione Poliambulanza, Goodyear Dunlop Tires Italia, Gruppo Hera, Gruppo Reale Mutua Assicurazioni, Imperial Tobacco Italia, ING,Retail & Commercial Banking, Intertaba, Istituto Europeo di Oncologia, JT International Italia, McDonald’s Italia, Mediamarket, Metro Italia, MSD Italia, Novartis Farma, Olympus Italia, PepsiCo, Philip Morris Italia, Roche, Saint,Gobain, Samsung, Sanofi, Starwood Italia, Technip Italy, Telecom Italia, Tenaris, Tenova, UniCredit, Valeo, Volkswagen Group Italia.

I Video di PMI

Come scegliere il contenuto giusto sui social