Il valore delle madri lavoratrici

di Chiara Basciano

scritto il

Le aziende capiscono sempre più il valore delle madri che tornano a lavoro dopo il congedo

La carriera di una donna spesso rischia di finire in secondo piano dopo la maternità, è un dato accertato dall’Istat.

Eppure non è un problema di scarsità di interesse da parte delle donne nei confronti del lavoro, non si tratta di un spostamento delle priorità, ma di una difficoltà accertata a gestire vita di madre e vita di lavoratrice. Se le condizioni fossero più gestibili molto donne potrebbero avere una vita soddisfacente, senza sentirsi mancanti in uno dei due ambiti.

=> Scopri le abilità delle madri lavoratrici

Dalla recente ricerca condotta da Regus, inoltre, risulta che anche le aziende si rendono conto dell’importanza di mantenere al loro posto di lavoro le madri lavoratrici e per questo si stanno cercando sempre di più soluzioni per una gestione più agile. In particolare, essendo molto apprezzate le capacità di multi tasking e di problem solving che la maternità sviluppa, le aziende tendono a reintegrare sempre di più le donne dopo il congedo di maternità.

=> Vai al registro delle co-manager

Tra le strategie più utilizzate per facilitare la vita delle madri ci sono: gli orari flessibili, la possibilità di lavorare più vicino a casa (elemento che viene dichiarato indispensabile per il 44% degli intervistati), i ruoli part-time (che viene indicata come soluzione per il 42%) e la scelta delle videoconferenze, laddove possibile, in sostituzione dei viaggi.

Celia Donne, Global Operations Director di Regus dichiara: «I dati evidenziano che in alcuni paesi la mancata partecipazione delle donne nell’economia costa ben il 27% pro capite del PIL e come le aziende con un numero maggiore di donne siano più produttive e profittevoli; possiamo quindi ritenere che per le aziende sia giunta l’ora di affrontare la questione e definire come adattare le loro prassi per rispondere meglio alle esigenze delle madri lavoratrici».