Ritratto della manager odierna

di Chiara Basciano

scritto il

Tutte lavoro e niente famiglia, la carica delle "manager zitelle"

Donne tutto lavoro, che sacrificano la vita privata alla carriera. L’Italia ne è piena, più di quanto si possa pensare.

=> Vai a donna e lavoro

Considerato che l’8,4% delle donne italiane è diventata la prima fonte di reddito per la sua famiglia, più del 63% delle nuove imprese hanno dirigenza femminile e che tra il 2007 ed il 2012 il numero delle manager è cresciuto del 24,5%. I dati dimostrano come dedicarsi esclusivamente alla carriera sia fruttuoso in tutta Europa. In Germania le donne single con ruolo dirigenziale sono il 17% contro il 13% delle donne sposate e con figli, in Inghilterra siamo al 19% contro l’11%. Il Giappone, sempre estremo, registra un altissimo numero di donne che sostengono di non volere legami sentimentali, ben il 49%.

=> Scopri le manager più pagate

Eppure sacrificare la vita privata non è un dato da considerarsi positivo per la carriera, saper diversificare i propri interessi aiuta a mantenere spirito critico e creatività.

=> Leggi le donne manager del 2014

D’altronde le società stanno capendo sempre di più quale valore possano avere le madri, in cui si sviluppano capacità organizzative enormi. Ma la tendenza delle “manager zitelle” è un fenomeno che rischia di diffondersi soprattutto tra le più giovani che vedono le difficoltà delle sorelle maggiori, non supportate nella gestione dei diversi ruoli che sono chiamate a svolgere al meglio.

I Video di PMI