Quando i social media danneggiano la carriera

di Teresa Barone

scritto il

Le attività social più dannose per la carriera: parlano i responsabili della selezione del personale.

I social network rappresentano una valida risorsa di “approfondimento” in fase di selezione del personale, una fonte di informazioni utile ai manager per tracciare un profilo più completo dei candidati e anche una possibile strategia per trovare lavoro.

=> Leggi perché i manager sono dipendenti dai social

Ma cosa succede se i vari Facebook, Twitter e LinkedIn danneggiano la carriera tanto da precludere assunzioni o promozioni? La lista dei possibili errori è lunga e sono proprio i responsabili delle risorse umane a elencarli.

1. Attività illegali: non sono rari i casi di candidati esclusi dal processo di selezione perché sorpresi a condividere immagini e informazioni relative ai loro passatempi poco leciti.

2. Errori grammaticali: la lettura di un post sgrammaticato può rappresentare un valido deterrente per un’assunzione, indicando anche una scarso interesse verso la cura dei dettagli.

3. Comportamenti lascivi: foto di nudo o immagini prive di moralità non sono mai un bel biglietto da visita.

4. Lamentele sul proprio lavoro: non è indice di professionalità pubblicare commenti poco positivi in merito all’attività lavorativa, così come “colpire” verbalmente gli ex datori di lavoro.

5. Condividere segreti aziendali: un’attività certamente compiuta dai dipendenti sui quali non possibile fare affidamento.

=> Scopri come creare contenuti social accattivanti

6. Mancanza di presenza sui social media: anche la totale assenza di attività “social” non è considerata positivamente e i recruiters potrebbero porsi interrogativi del tipo: il candidato ha forse qualcosa da nascondere?

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari