Dipendenti poco eloquenti? Consigli ai manager

di Teresa Barone

scritto il

Una ricerca svela perché i lavoratori sono restii nel manifestare apertamente dubbi e richieste.

Perché i dipendenti non dicono ciò che pensano? Perché decidono di tacere anche quando vorrebbero esporre un problema o un dubbio? Questo atteggiamento ha origine da una convinzione spesso molto radicata negli ambienti professionali, dove i lavoratori sentono di non avere voce in capitolo e, di conseguenza, evitano di rendere pubblici i loro pensieri.

=> Scopri come guadagnarsi la lealtà dei dipendenti

Questo comportamento è stato oggetto di studio da parte di un gruppo di ricercatori della Stern School of Business di New York, indagine che mette in evidenza come la tendenza a non comunicare porta spesso i dipendenti a celare informazioni importanti, causando talvolta gravi problemi all’azienda.

La consapevolezza di avere poco potere, in pratica, rende le persone meno inclini a parlare anche quando sarebbe invece necessario far emergere fatti e misfatti che rischiano di sollevare polveroni.

Sono sempre i ricercatori a sottolineare come i manager dovrebbero favorire un ambiente di lavoro sereno incentivando i dipendenti a comunicare apertamente con i vertici, mostrandosi propensi all’ascolto e al dialogo.

=> Scopri l’identikit del capo perfetto

Altrettanto positivo è il comportamento del boss che cerca il parere dei collaboratori consultandosi con loro prima di prendere decisioni importanti: agendo così, infatti, si invogliano i dipendenti a manifestare i loro dubbi anche quando non richiesti esplicitamente.