Team manager: come gestire personalità differenti?

di Teresa Barone

scritto il

Come districarsi tra collaboratori caratterizzati da temperamenti differenti? Ecco alcune personalità tipo.

Gestire un gruppo di lavoro, coordinando e monitorando il lavoro di più collaboratori, significa inevitabilmente avere a che fare ogni giorno con personalità e temperamenti differenti, spesso non compatibili tra loro.

=> Scopri come facilitare il lavoro di squadra

Ma quali sono le tipologie caratteriali più comuni? C’è l’ottimista, pronto a migliorarsi e risolvere i problemi pensando al bene di tutti, ma anche il collega perennemente insoddisfatto che può nuocere allo spirito del gruppo a causa delle continue lamentele improduttive.

C’è l’emulatore, pronto a prendere le sembianze di chi lavora al suo fianco imitandone anche l’atteggiamento negativo o positivo (è sempre meglio affiancare questa tipologia caratteriale a chi sembra mostrarsi perennemente motivato ed entusiasta).

=> Scopri la gamification per alzare il morale del team

Il collaboratore riflessivo, invece, può rappresentare un limite quando si tratta di lanciare nuovi progetti che presuppongono l’accettazione di alcuni rischi, mentre da tenere particolarmente d’occhio è il collega più scaltro che tende a non addossarsi mai la colpa per gli errori commessi (addossandola agli altri) e a prendersi il merito per i successi raggiunti, sempre e comunque.

=> Scopri come valutare l’attitudine al team work nel colloquio

Da stimolare e supportare, inoltre, è il lavoratore potenzialmente “brillante” che, tuttavia, non sembra avere molta fiducia in sé stesso, rischiando così di autolimitarsi e non manifestare mai apertamente le proprie idee.