Lavoro: estroversi e introversi a confronto

di Teresa Barone

scritto il

Una ricerca mostra come gli introversi valutino negativamente le performance dei colleghi più espansivi, rischiando di compromettere la loro carriera.

Il temperamento e il carattere personale influenzano notevolmente la valutazione delle performance lavorative altrui. Se in uno stesso ambiente di lavoro convivono personalità introverse e colleghi più estroversi, questi ultimi saranno spesso percepiti come poco efficienti e produttivi.

=> Chi sono i lavoratori più insoddisfatti?

Lo sostiene un nuovo studio pubblicato sull’ Academy of Management Journal, ricerca condotta da un team di ricercatori universitari che mostra come i lavoratori solitamente riservati giudichino le prestazioni dei loro “simili” superiori rispetto a quelle dei collaboratori più espansivi.

Gli studiosi hanno condotto vari test giungendo sempre allo stesso risultato: gli introversi sottovalutano enormemente le performance dei colleghi a loro opposti dal punto di vista caratteriale, rischiando di influenzare negativamente la carriera di questi ultimi.

=> Scopri da cosa dipende la felicità sul lavoro

Si tratta di una teoria che potrebbe fornire numerosi spunti di riflessione alle aziende che consentono agli stessi dipendenti di valutare i colleghi: una pratica utilizzata dai manager di Google, ad esempio, che invitano i lavoratori a decidere se assegnare bonus ai loro “pari” al fine di premiare e valorizzare un particolare impegno che, probabilmente, non verrebbe notato dai vertici aziendali.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari