Gestire i dipendenti ?troppo? estroversi

di Redazione PMI.it

scritto il

I collaboratori estroversi sono risorse produttive ma possono generarsi confitti e tensioni: come gestirli?

Capire e valorizzare ciascun dipendente rappresenta uno dei compiti principali di un manager, chiamato a “inquadrare” le singole personalità valutando il temperamento di ogni risorsa, al fine di garantire performance sempre al top.

=> Manager a colloquio con i dipendenti

Quando si tratta di gestire collaboratori particolarmente estroversi, tuttavia, le cose si complicano un po’: fermo restando che una simile indole è spesso accompagnata da energia costante, ottimismo e una buona dose di creatività, possono insorgere conflitti con i colleghi di carattere totalmente opposto.

Il manager ha a disposizione alcune strategie per favorire la compresenza e la collaborazione tra dipendenti estroversi e introversi, innanzitutto facendo in modo che l’energia prorompente dei primi non invada gli spazi dei secondi, scontrandosi con i loro tempi e limitando la capacità di manifestare idee e opinioni, provocando tensioni.

=> Comunicazione e feedback per fidelizzare i talenti

Sono in molti a sostenere, inoltre, che sia sempre utile creare appositi spazi di condivisione e confronto lontani dai consueti ambienti open-space, in modo da consentire ai collaboratori particolarmente espansivi e spigliati di dare vita a un dibattito vivace e senza dubbio produttivo.