Privacy, nuovo giro di vite delle Autorità

di Noemi Ricci

scritto il

Varato il programma di attività ispettive per verificare il rispetto delle norme sul trattamento dei dati personali in ambito pubblico e privato. Nel mirino i sistemi di videosorveglianza

Obiettivo, tutela della Privacy nello svolgimento di attività commerciali e pubbliche: il “piano ispettivo programmato” per il primo semestre 2008 ha infatti posto sotto la lente dell’Autorità telecamere, anagrafe tributaria, banche, consulenti e periti, come reso noto dal Garante per la Protezione dei Dati Personali.

A tal fine, la Guardia di Finanza collaborerà all’attività ispettiva sul rispetto delle norme indirizzate in primo luogo al trattamento dei dati personali svolti – attraverso il sistema informativo della fiscalità- dall’amministrazione finanziaria e dagli istituti di credito.

Per queste categorie verranno effettuate verifiche anche sul tracciamento degli accessi e ulteriori accertamenti anche sul trattamento dei dati svolti da periti e consulenti.

Il punto focale, su cui sarà incentrata l’attività ispettiva programmata, sono i sistemi di videosorveglianza dislocati su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo è di verificare che vengano rispettate le regole fissate dal Garante con il provvedimento del 2004, ma anche tracciare un punto della situazione sull’uso attuale delle telecamere da parte di soggetti pubblici e privati.

Le Autorità controlleranno anche che vengano rispettati gli obblighi relativi all’informativa per la raccolta dei dati personali fornita agli interessati; la libertà e validità del consenso; la durata della conservazione dei dati.

Ovviamente l’Ufficio continuerà a svolgere, oltre a quelle previste nel programma varato, le ordinarie attività istruttorie di carattere ispettivo relative a segnalazioni, reclami e ricorsi presentati all’Autorità.