Accertamenti bancari? Legittimi per autonomi e dipendenti

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Legittimo da parte dell'Amministrazione finanziaria procedere agli accertamenti bancari di dipendenti di aziende private oltre che di lavoratori autonomi: le motivazioni della Cassazione.

I controlli fiscali basati su indagini bancarie possono vedere coinvolti non solo i lavoratori autonomi ma anche i dipendenti di aziende private.

Significa che non solo per gli autonomi, ma anche per i dipendenti vale la presunzione legale d’imponibilità prevista dagli articoli 32 del Dpr 600/1973 e 51 del Dpr 633/1972 che giustifica gli accertamenti sulle movimentazioni bancarie.

A decretare la legittimità di questi accertamenti da parte dell’Amministrazione finanziaria, sulla base delle risultanze di indagini finanziarie, è stata la Corte di Cassazione con la recente sentenza n. 8047.

=> Leggi: accertamento sintetico sul conto bancario

Secondo i giudici della Cassazione, la presunzione d’imponibilità dei versamenti effettuati sui conti bancari del contribuente, nel caso in cui non si deduca e dimostri che siano stati conteggiati nella dichiarazione annuale o siano ricollegabili ad atti non soggetti a tassazione, «ha portata generale e riguarda le dichiarazioni dei redditi di qualsiasi contribuente, a prescindere dall’attività svolta».

=>Ricorda: i dati del conti correnti passano al Fisco da Ottobre 2013

Al lavoratore autonomo, o al dipendente, il compito di fornire le prove che giustificano i versamenti sui conti correnti.